AtletiNewsTornei Internazionali

BERRETTINI VINCE SOFFRENDO E SALE NEI QUARTI AGLI US OPEN

E’ un Matteo Berrettini ancora alla ricerca della forma migliore quello che ha firmato ieri la quarta vittoria nel tabellone principale degli US Open 2022 che gli è valsa il raggiungimento dei quarti di finale nell’ultimo Slam di stagione. Sono passi fondamentali per cercare di rimanere ancorato al sogno ATP Finals di Torino (13-20 novembre prossimi) che il romano sta compiendo anche se a fatica. Nel confronto con lo spagnolo Davidovich Fokina, solido e capace di lottare come un “forsennato” per rimanere ancorato al match, Berrettini è partito male (3-6) riprendendo però le redini dell’incontro nel secondo set, conquistato al termine di un tie-break ben giocato. Nel terzo parziale l’azzurro è parso rinfrancato e ha ritrovato appieno la prima di servizio andando spesso a segno anche con il suo colpo migliore da fondo campo, il diritto. Salito al vantaggio di due set ad uno il suo rivale sembrava scorato e arrendevole ed invece, complice un calo di Matteo che non si muove ancora benissimo e patisce quando viene sollecitato sul rovescio, si è ridestato e ha portato il match al quinto set, grazie al successo colto nel set al decimo gioco. La frazione decisiva ha visto l’azzurro centrare il break e volare sul 4-2. A questo punto lo spagnolo nato a Malaga 23 anni fa ha subito anche un infortunio al ginocchio che ha richiesto un medical time-out e altri interventi del fisioterapista. Il sigillo del confronto è arrivato pèoco dopo sul 6-2 Berrettini, che così si è espresso ancora in campo a fine match: “Sono orgoglioso del risultato – ha detto Berrettini dopo il match, ai microfoni degli organizzatori del torneo -. Non ho cominciato come avrei voluto, sono andato sotto di un set e di un break, ma sono riuscito a lottare anche grazie chi ha continuatoa  incoraggiarmi per tutta la partita. Il mio avversario ha giocato molto bene, io forse ho avvertito un po’ di stanchezza”: Sui problemi fisici che hanno condizionato il finale di partita di Davidovich Fokina, Berrettini ha aggiunto: “Non volevo finire la partita così, ma alla fine contava vincere”. Ora se la vedrà (domani) con il norvegese Casper Ruud, numero 5 del seeding e giocatore che ha dimostrato di sapersi adattare bene anche al veloce. Negli ottavi ha battuto in quattro set, perdendo il terzo al tie-break, la sorpresa francese Corentin Moutet, attuale numero 112 del mondo.

di redazione