AtletiCampaniaNewsRegioni

E’ DI LORENZO MUSETTI L’ATP DI NAPOLI

Alla fine è stato Lorenzo Musetti a centrare il titolo nella prima edizione della Napoli Cup, ATP 250 chiuso oggi nell’Arena centrale allestita sul lungomare della città partenopea. Il carrarino ha battuto nel derby Matteo Berrettini, in due set e sfruttando almeno nel secondo l’ennesimo problema fisico nel quale è incappato il grande tennista romano. Già ieri in semifinale Matteo aveva accusato dei problemi al piede sinistro sulla cui natura ancora non è possibile esprimersi. Oggi ha stretto i denti portando la prima frazione al tie-break ma nella seconda il suo rendimento è nettamente calato, mentre è salito quello del toscano. Al termine Musetti si è imposto 7-6 6-2 alzando il secondo trofeo in tre mesi, dopo quello nel 500 ATP di Amburgo. In premiazione i due azzurri si sono scambiati reciproci complimenti ma il volto di Matteo, purtroppo, ha esternato molti dubbi su questo finale di stagione che dovrebbe essere scoppiettante per arrivare tra i migliori otto che parteciperanno alle ATP Finals di Torino. La contemporanea vittoria di Felix Auger Aliassime ad Anversa allontana ancora di più il sogno. Il canadese ha guadagnato altri 100 punti nei confronti di Matteo, al cui partecipazione a Vienna a questo punto è in forse, e 250 nei confronti di Jannik Sinner. Musetti da domani sarà a Basilea, nell”ATP 500 che fu di Federer. Vittoria con dedica, la sua odierna a Napoli: “Al mio coach Simone Tartarini con il quale abbiamo condiviso molto in tutti questi anni, anche la reciproca crescita. Ovviamente vincere in casa davanti ad un pubblico come questo ha un valore doppio. Fin dal primo allenamento mi sono sentito coccolato e sostenuto. Il calore della gente napoletana è unico in Italia”. All’insegna del “tutto è bene ciò che finisce bene” è stato presente al momento finale del torneo anche il presidente della FIT, ora FITP (tennis e padel), Angelo Binaghi: “A Firenze Lorenzo è arrivato in semifinale, qui ha vinto contro Matteo. Due tornei che abbiamo voluto in Italia e ci hanno premiato anche sotto il profilo dei risultati. Gli impegni che ci apprestiamo a vivere sono molti e probanti, nell’ordine le Next Gen ATP Finals a Milano, le ATP Finals a Torino e la Coppa Davis a Malaga. Tutti all’insegna del tennis azzurro che sta vivendo un momento magico sotto ogni punto di vista”. Il futuro dunque pare sempre più tinto del colore del mare, lo stesso che ha fatto da culla al torneo appena concluso.

di Roberto Bertellino (foto Lolli)