AtletiNewsTornei Internazionali

RUNE SI INFIAMMA A PARIGI E VINCE IL PRIMO 1000 DI CARRIERA. IN FINALE HA FERMATO DJOKOVIC

Parigi Bercy, ultimo Masters 1000 di stagione, ha incoronato un nuovo campione e sigillato il suo ingresso per la prima volta tra i top ten. Il nuovo che avanza oggi ha portato il nome del 19enne danese Holger Rune, cresciuto tantissimo negli ultimi mesi di stagione grazie ad un tennis via via sempre più completo come ha confermato questa settimana nel torneo transalpino. Il nordico, che aveva iniziato da 103 la stagione corrente, ha fermato in finale il sei volte campione di Parigi Bercy, Novak Djokovic che rimasto a quota 38 tornei Masters 1000 in carriera. Il successo è arrivato in rimonta (3-6 6-3 7-5), dopo aver annullato sei palle break al tennista serbo e soprattutto dopo aver annullato nel primo turno tre match point a Stan Wawrinka, che lo aveva anche redarguito per il suo comportamento troppo “fanciullesco”. Il ragazzino ha imparato in fretta e nell’atto decisivo ha dato dimostrazione di forza, coraggio e talento nei momenti più delicati. E’ stato lo stesso Djokovic a sottolinearlo a fine match: “Rune ha vinto meritatamente perchè ha giocato meglio nei momenti decisivi. Ha il futuro davanti e ritengo che sarà radioso”.
“Sei uno dei miei favoriti fin da quando ero ragazzino – ha detto replicato Rune al termine – e complimenti anche al tuo team. E’ stato un onore condividere il campo con te in questa magica partita. Ringrazio il mio staff, la mia famiglia e tutti coloro che mi hanno sostenuto in questi sette giorni incredibili. Il pubblico mi ha dato tanto in questi giorni”. Rune sarà anche la prima riserva delle Nitto ATP Finals di Torino avendo superato nella Race il polacco Hurkacz, proprio in virtù del successo parigino.

di redazione