AtletiNewsTornei Internazionali

ITALIA AVANTI 2-0 CON LA GRECIA IN UNITED CUP. TREVISAN STREPITOSA, MUSETTI ANCORA VINCENTE

Doveva compiere un’impresa Martina Trevisan per indirizzare verso binari azzurri la sfida di semifinale in United Cup. L’ha fatto la tennista toscana, numero 28 del mondo, contro la numero 6 Maria Sakkari. Quando gioca, corre e ride, la magia diventa realtà. Lo aveva già fatto nel 2020 al Roland Garros, dove a sorpresa aveva raggiunto i quarti. Si è ripetuta nel 2022 nello stesso teatro (semifinale) e oggi (questa mattina in Italia) ha centrato la vittoria più bella in carriera, dopo una maratona chiusa 6-3 6-7 7-5 e sul veloce di Sydney. Partenza lanciata della 29enne toscana (6-3 2-0), poi la reazione della tennista greca. Martina, sostenuta dai compagni di nazionale e dal CT Vincenzo Santopadre, non ha mollato e anche nel tie-break della seconda frazione è stata avanti per due volte di un mini-break (4-3 alla seconda volata). Maria Sakkari a quel punto ha cambiato marcia limitando gli errori e rimettendo tutto in discussione. Nel terzo set Martina ha resistito in avvio e colto il break per salire 4-2. Ancora un ribaltone di lì a poco in favore della tennista ellenica che ha pareggiato e sorpassato l’azzurra sul 5-4. Non voleva perdere Martina e ha alzato ancora il livello riprendendo la Sakkari sul 5-5 e facendo suoi anche i successivi due giochi. Sentite e piene di emozione le sue prime parole al termine della grande sfida: “Avere Matteo (Berrettini, ndr) e Vincenzo (Santopadre, ndr) con me è stato incredibile, mi hanno trasmesso un sacco di energia e mi hanno permesso di restare calma. A volte sento di dover sorridere perché mi aiuta a rilassarmi. La vita è così bella, avere tanti italiani a fare il tifo per me non ha prezzo. Durante questi dieci giorni di United Cup sono cresciuta tanto. La prima partita è stata difficilissima, ma sono cresciuta giorno dopo giorno e ho iniziato a sentirmi meglio. Penso di meritarmi davvero la vittoria di oggi. Al suo successo si è aggiunto poco dopo quello in scioltezza e da pronostico di Lorenzo Musetti sull’inedito Sakellaridis. Un doppio 6-1 che ha portato l’Italia sul 2-0. Nella mattina di domani Matteo Berrettini proverà a chiudere i giochi contro Stefanos Tsitsipas, giocatore contro il quale ha perso in entrambe le occasioni. Poi eventuale spazio a Lucia Bronzetti opposta a Despina Papamichail. In caso di parità sarebbe il doppio misto a decidere la formazione finalista.

di redazione