AtletiNewsTornei Internazionali

TSITSIPAS, PROVE DA N° 1…MA E’ ANCORA LONTANO

Il greco ha ambizioni ma la finale odierna a Melbourne ha evidenziato che la strada da percorrere per sconfiggere Novak Djokovic è ancora molto lunga e lastricata di enormi difficoltà:
Ho avuto problemi a mettermi in ritmo con il mio servizio all’inizio, il che era evidente. Non direi che ero nervoso, ero davvero entusiasta di essere in campo, avendo l’opportunità di lottare per il n.1 stasera. Non vedevo l’ora che arrivasse la partita. Ci sono sicuramente cose che posso migliorare e fare meglio, date le circostanze odierne, ma non penso ci sia qualche motivo per cui debba essere influenzato dalla sconfitta di oggi. È un passo avanti. Non vedo l’ora di ottenere più punti durante questa stagione, risultati migliori, combattendo per trofei più importanti. Mi piace molto il modo in cui gioco, il mio atteggiamento in campo, la mia stabilità mentale, i miei livelli di concentrazione. C’è ancora qualcosa da aggiungere all’intera struttura del mio gioco, ma non potrei essere più entusiasta di essere diretto verso quel sentiero.
Ho fatto tutto il possibile per fare una buona partita contro di lui. La mia squadra ha lavorato eccezionalmente per darmi il miglior modo possibile di avvicinarmici, soprattutto oggi. Non c’è niente che non abbia usato a mio vantaggio, o da cui avrei potuto ricavare di più oggi. Ho fatto tutto il possibile. Novak è un giocatore che ti spinge ai limiti massimi, ma non la vedo come una maledizione o qualcosa di fastidioso. Questo è molto buono per lo sport, avere avversari come lui, campioni come lui. È molto importante per noi che vogliamo arrivare a quel punto un giorno. Mi ha reso un giocatore molto migliore. Rende il mio livello di concentrazione sempre più alto ogni singola volta che lo affronto. Devi essere focalizzato e dedicarti molto al gioco quando giochi contro di lui. Trovo che sia una parte molto importante della mia carriera avere un giocatore come lui che mi aiuti a crescere meglio e fare cose più importanti“.

di redazione e dal sito www.ubitennis.com