AtletiNewsTornei Internazionali

DARDERI E’ NEGLI OTTAVI A CORDOBA

Prima qualificazione per il tabellone di un torneo ATP, prima vittoria: Luciano Darderi, 20 anni, argentino di nascita ma italiano per scelta fa un altro passo importante nella sua carriera in continua ascesa battendo 6-4 6-3 il francese Hugo Gaston, n.101 Atp, nel primo turno del main draw dell’ATP 250 di Cordoba. E’ una grande soddisfazione per il ragazzo di Villa Gesell, provincia di Buenos Aires, seguito dal padre Gino, che si allena tra Roma e il Sudamerica. Gran servizio e gran diritto, ottima attitudine anche per il doppio (è n.140 del mondo), Darderi è stato un Top 10 a livello juniores e poi ha progressivamente scalato la classifica. Il best ranking lo aveva raggiunto nell’ottobre dello scorso anno dopo la quarta semifinale raggiunta a livello Challenger nella stagione. Aveva cominciato a Perugia, partendo dalle qualificazioni e poi si è ripetuto a Iasi, in Romania (dove nei quarti aveva superato il ceco Jiri Lehecka, n.70 Atp). E poi ancora San Benedetto del Tronto e Campinas, Brasile (dove aveva superato il davisman argentino Facundo Bagnis, n.111). Quest’anno sognava di esordire raggiugendo il primo tabellone del Grande Slam ma, dopo due vittorie nel tabellone di qualificazione, al turno decisivo lo aveva fermato il collega Next Gen Mattia Bellucci.
La gioia della prima volta è stata rimandata di poche settimane. Anche a Cordoba Luciano, che affrontava il torneo da n.200 Atp, ha dovuto passare dalle qualificazioni. Le vittorie contro il tedesco Yannick Hanfmann, n.132, e l’ergentino Juan Pablo Ficovich, n.203, gli hanno regalato la prima grande occasione. E lui non se l’è fatta sfuggire, battendo in un’ora e 16 minuti l’estroso mancino francese. Il primo set è stato equilibrato fino al 4-4, con Darderi che ha faticato meno del suo avversario per tenere i propri turni di battuta, compreso quello che lo avrebbe portato sul 5-4. A quel punto volava 0-40 sul servizio di Gaston, che dopo aver salvato il primo set point, commetteva un doppio fallo suicida. Chiusa così la prima partita Darderi si esaltava e il francese cadeva in depressione: l’italo-argentino volava 5-0. Un vantaggio sufficiente a contenere la reazione orgogliosa del talentoso Hugo, capace di risalire 3-5 prima di capitolare. Il dato che più di altri riassume la partita è l’88% dei punti che Luciano Darderi ha attenuto quando ha piazzato la “prima” di servizio (23 su 26). Per Gaston la percentuale è stata solo del 56% (15 su 26). Ora, sulla terra battuta del Cordoba Open, Darderi è atteso dal confronto con Sebastian Baez, n.47 del mondo e testa di serie n.4 del torneo. Altri due italiani contano di raggiungerlo al secondo turno: Andrea Vavassori che oggi affronta l’argentino Pella e Marco Cecchinato, anche lui opposto a un argentino, Facundo Bagnis.

di redazione