AtletiNewsTornei Internazionali

I FRATELLI BERRETTINI ILLUMINANO LA NOTTE ITALIANA AD ACAPULCO

Prima Matteo, poi Jacopo, quasi come in un sogno. I fratelli romani sono saliti negli ottavi di finale del 500 ATP di Acapulco (Mex) superando rispettivamente lo slovacco Alex Molcan e il tedesco Oscar Otte. Due vittorie arrivate per il ritiro dei due rivali ma ampiamente meritate. Matteo, al rientro nel circuito dopo l’eliminazione al 1° turno degli Australian Open ed un mese di “gossip” legati al suo nuovo fidanzamento, ha conquistato sette game prima di incassare il forfait di Molcan a causa di un problema al polso. L’azzurro era sullo score di 6-0 1-0. Il suo percorso continuerà contro lo svedese Elias Ymer, numero 178 del mondo, che l’azzurro ha sconfitto in entrambi gli scontri diretti, a tutti i livelli, senza perdere un set. L’ha infatti battuto 64 75 nelle qualificazioni a Budapest, sulla terra rossa, nel 2018, e 64 64 l’anno scorso sul veloce indoor a Bologna nella fase a gironi delle Davis Cup Finals.
Contro pronostico e da qualificato, alla sua prima assoluta nel massimo circuito in un ATP e oltretutto un 500, Jacopo ha eliminato il tedesco sullo score di 3-6 7-6 2-1. Anche in questo caso Otte ha lasciato definitivamente il campo per un problema fisico (ginocchio) dopo aver chiesto il medical time-out nel tie-break del secondo set). Agli ottavi, il ventiquattrenne azzurro affronterà Alex De Minaur, numero 24 del mondo, che ha dominato 61 62 il diciassettenne messicano Rodrigo Pacheco Mendez, numero 1244.
Ho cercato di lottare tanto dalla prima partita, e penso di esserci riuscito. Il mio team, la mia famiglia mi hanno aiutato molto. E’ importante per me averli qui” diceva dopo aver centrato la qualificazione battendo al turno decisivo Luciano Darderi, poi ripescato come lucky loser al posto di Carlos Alcaraz e sconfitto all’esordio da Mackenzie McDonald. Rimane, dunque, ancora possibile uno scontro tutto in famiglia in semifinale fra i due fratelli Berrettini. “Senza Matteo niente di tutto questo potrebbe mai succedere – ha detto Jacopo all’ATP alla vigilia del debutto nel main draw -. E’ la mia ispirazione, un vero campione. E’ la persona più importante nella mia vita”.

di redazione e sito www.federtennis.it