AtletiNewsTornei Internazionali

COCCIARETTO E’ NEI QUARTI A MONTERREY. BATTUTA LA TEDESCA MARIA

In questo 2023 ha cambiato marcia, dimostrando che quando il fisico è a posto può essere protagonista, e pure con una certa continuità. Con il solito carattere combattivo Elisabetta Cocciaretto è approdata nei quarti anche nell’”Abierto GNP Seguros” (WTA 250 – montepremi 259.303 dollari) che si sta disputando sul cemento di Monterrey, in Messico. La 22enne di Fermo, n.49 WTA (ad un passo dal “best”), dopo il successo in due set sulla spagnola Bassols Riberan.124 del ranking, ripescata in tabellone come lucky loser, si è ripetuta battendo 76(5) 76 (3), in due ore e minuti quattro di partita, la tedesca Tatjana Maria, n.73 WTA, che aveva lasciato un game soltanto a Lucia Bronzetti, n.68 del ranking, al primo turno. “Sono molto soddisfatta è stato un match davvero duro – ha detto l’azzurra – ho cercato di fare il mio gioco e ci sono riuscita. Ora penso solo a recuperare in vista del prossimo match (la sua partita è terminata intorno alla mezzanotte locale; ndr). Grazie di essere rimasti fino all’ultimo: ci vediamo domani”, ha ringraziato in spagnolo il pubblico. Solida e sempre propositiva, capace con i suoi colpi di ridisegnare le righe del campo, Elisabetta ha servito con una certa continuità: due ace contro due doppi falli ma il 69,5% di prime in campo con il 68,2% dei punti ottenuti oltre ad un 52% di punti vinti con la seconda. Unica nota stonata le palle-break; ne ha salvata una soltanto delle quattro concesse e a sua volta ne ha sfruttate solo 3 su 7.  
Oggi (la prossima notte in Italia) nei quarti – i quinti in carriera, i terzi in stagione dopo Hobart e Merida – Cocciareto dovrà vedersela con la belga Elise Mertens, n.42 del ranking e quarta favorita del seeding: tra la marchigiana e la 27enne di Leuven non ci sono precedenti. Per Elisabetta, in caso di vittoria, la possibilità di ritoccare il “best ranking”. La prima testa di serie del torneo è la francese Caroline Garcia, n.5 WTA, regolarmente approdata ai quarti.

dal sito www.federtennis.it