AtletiNewsTornei Internazionali

IL MESSICANO E’ DE MINAUR

Il primo titolo ATP 500 di carriera, per l’australiano che si allena in Spagna ed è al 50% iberico, è arrivato ad Acapulco, al termine della finale “rivoltata” contro l’americano Tommy Paul, che si è imposto nel primo set. Poi il “canguro” ha trovato le contromisure, è salito di tono ed ha chiuso 3-6 6-4 6-1: “E’ fantastico – ha detto a caldo – e rappresenta il risultato del grande impegno messo negli allenamenti. All’inizio del terzo set mi sono trovato nella stessa situazione vissuta contro Rune in semifinale. Mi sono detto di spingere e tenere il game e così ho fatto. Da quel momento la partita è stata in discesa. Ora vado con tanta fiducia a Indian Wells e Miami”. “So di non avere un tennis stellare – ha proseguito Alex – ma sono un combattente con questo fisico minuto”. Alto il livello di gioco messo in mostra dai due contendenti, nonostante le fatiche accumulate nel torneo e soprattutto nelle semifinali. Domani De Minaur salirà al posto numero 18 del mondo, a tre piazze dal suo best ranking di numero 15 ATP. Paul, invece, al numero 19, ad un solo step dal proprio best ranking di numero 18.

di redazione