AtletiIntervisteNewsTornei Internazionali

SINNER CI PROVA MA CEDE AD ALCARAZ IN DUE SET. IN FINALE LO SPAGNOLO TROVA MEDVEDEV

La quinta sfida in carriera tra due dei massimi protagonisti del circuito, Carlos Alcaraz e Jannik Sinner, è andata in archivio con la vittoria del primo, numero 2 del mondo e desideroso di tornare in vetta al ranking, con lo score di 7-6 6-3. Sinner è partito male (2-4) ma con un parziale di 12 punti a 2 nel primo set si è portato sul 5-4. Più incisivo l’azzurro in questa fase di match sugli scambi lunghi rispetto al suo avversario. Las palla set non ha però avuto esito positivo e Alcaraz ha allungato il parziale al tie-break dove ha preso subito vantaggio (3-1). Sinner lo ha ripreso ma un nastro ha spostato gli equilibri del momento. Alcaraz ha chiuso 7-4 dopo 61 minuti di ottimo tennis da parte di entrambi. Un successo parziale che ha esaltato il murciano, capace di alzare ulteriormente il livello del gioco e volare sul 3-0, pur con un buon Sinner dalla parte opposta della rete. L’azzurro cerca di resistere ed è bravo a non farsi travolgere ma non riesce a risalire la china. Alla fine la resa sul 7-6 6-3: “Peccato – ha detto Sinner alla fine – oggi ho servito con percentuali basse e non ho sfruttato alcune occasioni. Sono ottimista, so che sono tanto vicino e ho ancora molto da migliorare. Sto progredendo e anche fisicamente ci vorranno ancora due anni per essere al massimo. Un torneo comunque positivo e ho giocato alla pari con Carlos”. In finale è volato Alcaraz, che se la vedrà con il giocatore del momento, Daniil Medvedev, bravo a fermare l’americano Tiafoe per 7-5 7-6, dopo aver rischiato di allungare la partita nella seconda frazione, chiusa dopo 8 match point salvati dall’afro-americano.

di redazione