AtletiNewsTornei Internazionali

FOGNINI SUBITO KO A MIAMI. ATTORNO A MEZZANOTTE OGGI TOCCA A SONEGO

Non è riuscito Fabio Fognini a superare l’ostacolo di primo turno a Miami, nel secondo Masters 1000 di stagione, rappresentato dal tedesco Jan Lennard Struff, proveniente dalle qualificazioni. L’azzurro si è arreso in tre set dopo oltre due ore e mezza di battaglia serrata in campo, chiusa dall’attuale numero 103 del mondo con lo score di 6-4 5-7 6-4. Fognini, che ha lottato fino al termine, non è stato sufficientemente cinico in alcuni passaggi decisivi del match. I precedenti dicevano 3-1 per l’azzurro. Poco rispetto da parte di entrambi della regola del servizio nel primo set, caratterizzato da ben cinque break. Fognini si era portato 4-3 e servizio ma non è riuscito a capitalizzare il vantaggio. Nella seconda frazione ancora Fabio ha diverse opportunità per pareggiare i conti e alla fine ci riesce al 12° gioco.
Struff si salva nel terzo gioco della frazione decisiva annullando una palla-break con la combinazione diritto lungolinea in contropiede e smash. I due restano aggrappati ai rispettivi turni di battuta fino ad un combattutissimo game che dura 12 punti (secondo per durata solo al quarto gioco del primo set con 14 punti): Fognini manca ben quattro opportunità del 5 pari prima di concedere una palla-break, la prima del set, nel momento più delicato, perché è anche un match-point. Il tedesco piazza il rovescio incrociato nell’angolo per il definitivo 6-4 e stavolta la racchetta di Fabio non ha scampo. Non mancano i motivi per recriminare. Sarà dunque Struff ad affrontare al secondo turno il bulgaro Dimitrov.
Questa sera (attorno alla mezzanotte italiana) è previsto l’esordio di Lorenzo Sonego contro l’austriaco Dominic Thiem. Ieri intanto americani sugli scudi. J.J Wolf ha superato il kazako Bublik; Emilio Nava ha sconfitto nel derby generazionale l’esperto Isner in due frazioni (7-6 7-6); Brandon Nakashima ha avuto la meglio sul tedesco Oscar Otte in due set (7-6 6-3).
Jannik Sinner ha conosciuto il nome del suo avversario di 2° turno, che sarà il serbo Djere, a segno contro l’australiano Vukic. A segno anche Fucsovics, Popyrin, Ruusuvuori sul fresco vincitore del Challenger di Phoenix, Nuno Borges. Nulla da fare per Andy Murray, fermato da Dusan Lajovic in due frazioni (6-4 7-5).

di redazione