AtletiLazioNewsRegioniTornei Internazionali

IL MATCH DELL’ESPERIENZA LO VINCE FOGNINI SU MURRAY. KO COBOLLI

Ben 49 colpi vincenti, tirati con classe e intensità davanti al proprio pubblico. Così Fabio Fognini ha battuto per la quinta volta in carriera, dopo 2 ore e 54 minuit, Andy Murray, portando sul 5-4 il bialncio degli scontri diretti. Per l’azzurro e lo scozzese, quasi coetanei e tra poco entrambi 36enni, un match dagli alti contenuti agonistici e tecnici, per alcuni aspetti (tocchi, palle corte, accelerazioni) d’altri tempi. Al termine, sul 6-4 4-6 6-4, Fognini ha sorriso, raccolto gli applausi del Centrale, scritto la dedica sulla telecamera con uno dei suoi eredi in braccio. Al secondo turno troverà il serbo Miomir Kecmanovic, numero 30 del mondo, e cercherà di ripetersi. Dovrà giocare con lo stesso atteggiamento di questa sera, concentrato e convinto. Per lui la terza affermazione stagionale, per nulla intaccata dal calo fisico e mantale affrontato e superato, del secondo set. Più che rivalità tra i due campioni c’è stato rispetto in campo, quasi un ricnoscimento reciproco alle rispettive carriere. Potrà anche non essere l’ultimo confronto tra i campioni che hanno scritto paginer di storia del tennis mondiale. In quanto a longevità oggi li ha superati Stan Wawrinka, che ha esordito con un successo nel torneo romano. Per lui affermazione contro il bielorusso Ivashka per 6-2 6-4. Altri applausi di giornata per il cinese Wu, l’argentino Etcheverry, il kazako Bublik, che ha ricevuto molti consensi per il tennis che è stato capace di esprimere contro lo spagnolo Pedro Martinez. Battuto invece il giovane Cobolli, per mano del francese Rinderknech (6-4 6-3). Popyrin si è imposto nel derby australiano conbtro O’Connell, Garin in quello sudamericano con Cachin, firmato nel tie-break del terzo set. Jannik Sinner ha conosciuto il nome del suo avversario di 2° turno, sarà Kokkinakis. A segno anche Djere e Fucsovics.

di redazione