AtletiLazioNewsRegioniTornei Internazionali

SINNER CALA ALLA DISTANZA E SI FERMA NEGLI OTTAVI A ROMA. SONEGO HA PROVATO MA HA PERSO AL TIE-BREAK IL SECONDO SET CONTRO TSITSIPAS

Giornata da dimenticare per Jannik Sinner agli Internazionali BNL d’Italia, edizione 2023, la numero 80 della storia. Opposto all’argentino Francisco Cerundolo, plastico e mobile come da copione, il numero 1 azzurro ha vinto il primo set al tie-break ma nei successivi due ha subito la maggior incisività del rivale, superiore a lui, nella circostanza, in ogni zona del campo. Fisicamente l’azzurro è calato nel corso del match e il cuore non gli è bastato (due match point annullati al termine) per risalire. Troppi i gratuiti di Sinner, ben 46, a fronte di soli 19 vincenti. Cerundolo meritamente nei quarti e giustamente festante al termine, a raccogliere gli applausi del pubblico romano.
Anche Il torinese Lorenzo Sonego è sceso in campo sul Centrale del Foro Italico per il terzo turno degli Internazionali BNL dopo la sospensione di ieri sera per pioggia sullo score di 6-3 in favore del nobile avversario, Stefanos Tsitsipas. L’allievo di coach Gipo Arbino, rigorosamente in tribuna, ha provato ad invertire la rotta del confronto ed in parte ci è riuscito. Pur costretto ad annullare diverse palle break nella seconda frazione è salito per due volte a set point, sul 5-4 servizio Tsitsipas e sul 6-5, sempre con l’ellenico in battuta. Non è riuscito a capitalizzare le occasioni, anche per le giocate perfette di Stefanos, ed il set si è risolto al tie-break, nel quale l’azzurro è stato anche avanti di un mini-break (3-2). Dal 3-3 alcuni errori, compreso un doppio fallo, hanno sancito la sua sconfitta (6-3 7-6). Peccato perché il pubblico del Foro si stava scaldando e un eventuale terzo set sarebbe stato dal pronostico incerto. Al Circolo della Stampa Sporting di Torino, che sta ospitando la prima edizione del Piemonte Open Intesa San Paolo, Challenger 175 ATP di nuova istituzione, in molti erano collegati con diversi dispositivi per seguire le sorti del match di Sonego, cresciuto sugli stessi campi.

di redazione