AtletiNewsPiemonteRegioniTornei Internazionali

STEFANO NAPOLITANO PROSEGUE ANCHE A TORINO IL SUO BUON MOMENTO

Missione compiuta da Stefano Napolitano nel turno decisivo del tabellone di qualificazione del Piemonte Open Intesa San Paolo in corso di svolgimento al Circolo della Stampa Sporting di Torino. Il 28enne biellese, con miglior classifica di numero 152 ATP nell’ormai lontano 2017, attualmente numero 555 del ranking mondiale, ha battuto nel match decisivo del draw cadetto l’ex numero 62 ATP Gianluca Mager, a sua volta sceso alla piazza numero 265 ATP. Napolitano, che aveva già fatto bene a Roma passando prima dalle prequalificazioni e dopo dalle qualificazioni per approdare in tabellone e cedere solo al tie-break del set decisivo allo slovacco Alex Molcan, numero 59 del mondo, ha vinto sul campo numero 5 del circolo torinese in due set abbastanza agilmente. Più equilibrio nella prima frazione, con Mager che ha cercato di riaprire la sfida sul 3-5, senza riuscirci. Nella seconda Napolitano è partito di gran carriera e ha tenuto con regolarità i turni di servizio strappando in due occasioni la battuta al sanremese, entrato in ogni caso in tabellone come lucky loser. Molto lucida l’analisi della partita e del momento fatta da Stefano Napolitano al termine: “Non è stato un match perfetto – ha detto – ma è stato sufficiente per entrare nel main draw. Il bel percorso fatto a Roma l’ho già dimenticato, ora sono concentrato sul torneo di Torino e spero di giocare ancora diversi match”. Vittorie che in ogni caso danno fiducia: “Certamente – ha proseguito – perché dimostrano il livello ritrovato e con lo stesso di poter giocare alla pari anche con i top 100. Però bisogna guardare avanti”. Non si parla di obiettivi di classifica, piuttosto della ricerca di quella continuità ormai fondamentale per stare al passo con un tennis sempre più competitivo: “Mi alleno ormai da diverso tempo a Verona, presso la palestra Magnitudo Training, seguito dal preparatore Flavio Di Giorgio e dal proprietario Cristiano Tutti. Grazie a loro posso dire di aver avuto una seconda chance dopo i molti infortuni superati. L’auspicio è di poter giocare per i prossimi mesi senza altri stop. Ora sto bene fisicamente e mentalmente. Il programma per i prossimi tornei è ancora da definire”. Determinato e vincente, dunque, per riprendere il filo del discorso interrotto per causa di forza maggiore e tornare a riassaporare il gusto dei tornei che contano. Il suo prossimo avversario nel Challenger 175 di Torino sarà il finlandese Otto Virtanen, 21 anni e numero 117 del mondo. Qualificati ieri anche Federico Gaio, faentino che si allena regolarmente sui campi del Circolo della Stampa Sporting, vittorioso sul cuneese Andrea Gola; Salvatore Caruso, che dopo un inizio un po’ titubante ha trovato il ritmo giusto contro Federico Maccari; l’ucraino Aleksandr Braynin, ieri protagonista del successo contro l’alternate di lusso Jiri Lehecka, numero 39 del mondo, capace in stagione di raggiungere i quarti agli Australian Open, e costretto al ritiro per un problema fisico al piede sullo 0-4 del primo set. Gaio sfiderà in primo turno il tedesco Oscar Otte, numero 8 del seeding; Caruso il numero 6 che risponde al nome del nipponico Yosuke Watanuki.

di Roberto Bertellino (pezzo pubblicato questa mattina su Tuttosport) – foto Francesco Panunzio

Risultati
Turno decisivo delle qualificazioni
Napolitano (Ita) b. Mager (Ita) 6-3 6-2; Caruso (Ita) b. Maccari (Ita) 6-3 6-1; Gaio (Ita) b. Gola (Ita) 6-2 6-3; Braynin (Ukr) b. Lehecka (Cze) 4-0 rit.
1° turno main draw
Daniel (Gia) b. Brouwer (Ola) 6-4 6-4; Carabelli (Arg) b. Fatic (Bih) 4-6 6-3 6-4; Collarini (Arg)b. Machac (Cze) 4-6 7-5 6-1; Lavagno (Ita) b. Darderi (Ita) 7-5 6-3; Seyboth Wild (Bra) b. Passaro (Ita) 6-2 6-0; Bonadio (Ita) b. Piraino (Ita) 6-4 6-3

Biglietteria:
Per il ground in sessione diurna, 17 euro; per il centrale da 27 euro a 42 euro; per il centrale sessione serale, da 27 euro a 42 euro.
Programma odierno: dalle 11 sul centrale: Virtanen-Napolitano; Gaio-Otte, Koepfer-Zeppieri; non prima delle 18 Braynin-Cobolli, Kovacevic-Mager. Dalle 11 campo 5: Watanuki-Caruso.