AtletiNewsTornei Internazionali

JABEUR PER LA PRIMA VOLTA NEI QUARTI AL ROLAND GARROS

Dopo una prima parte di stagione non facile, cadenzata da infortuni e stop prematuri, Ons Jabeur ha ottenuto oggi il miglior risultato sulla terra parigina. La tunisina ha raggiunto i quarti superando in un’ora e quattro minuti l’americana di origine croata Bernarda Pera, che in terzo turno si era imposta sull’azzurra Elisabetta Cocciaretto. Un match nel complesso non bellissimo con tanti break ed errori gratuiti nel quale ha fatto la differenza la maggior classe della nord-africana. Ons Jabeur troverà nei quarti la brasiliana Haddad Maia, a sua volta tra le migliori otto dello Slam parigino per la prima volta in carriera. Uno step raggiunto al termine di una gran battaglia contro la spagnola Sara Sorribes Tormo sul Suzanne Lenglen e al termine di 3 ore e 53 minuti di gioco. Successo in rimonta per la tennista verdeoro, numero 14 del seeding, ottenuto contro la tenace iberica che dopo aver vinto il tie-break nel set d’apertura si è portata in vantaggio 3-0 e 40-15 nel secondo. Brava la brasiliana ad invertire la rotta della sfida, riprendere la rivale e chiudere grazie all’efficacia del suo diritto, tornato letale, al nono gioco. Nella terza frazione la sudamericana ha servito una prima volta per il match sul 5-4 non sfruttando i primi tre match point. Una seconda sul 6-5, dopo aver ottenuto un nuovo break e nella circostanza non ha più sbagliato lasciando il campo visibilmente provata per le fatiche accumulate. Parigi continua a sorridere all’americana Coco Gauff, finalista della scorsa edizione, che ha piegato in due frazioni e un’ora e trentuno minuti l’aggraziata ma “leggerina” Anna Karolina Schmiedlova, 28 anni ed attuale numero 100 del mondo: “Nel primo set mi sono fatta riprendere ma non mi sono preoccupata più di tanto. Era la prima volta che giocavo quest’anno sul Chatrier – ha detto a fine match Coco Gauff intervistata da Mats Wilander – e non mi ricordavo tutto questo vento. Ora un po’ di relax, anche se alle porte c’è già il doppio. Nel poco tempo libero gioco un po’ a carte e cerco di non mangiare troppe crepes, altrimenti il mio agente mi rimprovera”. Il prossimo ostacolo sarà a dir poco proibitivo perché prenderà le forme della numero 1 del mondo, Iga Swiatek, campionessa uscente e sempre a proprio agio sulla terra rossa francese. Oggi non si è stancata perché sul 5-1 del primo set in proprio favore ha assistito al ritiro dell’avversaria, l’ucraina Tsurenko, sofferente per un problema fisico, dopo un precedente intervento del medico sul 4-1 per la polacca. Lesia, n° 66 WTA, non è nuova a stop di questo tipo, le era già successo a Indian Wells per un attacco di panico.

di redazione