AtletiNewsTornei Internazionali

MUSETTI E’ NEI QUARTI AL QUEEN’S

Secondo quarto di finale consecutivo sull’erba per Lorenzo Musetti, che dopo Stoccarda conquista un posto tra i migliori otto anche nel “Cinch Championships” (ATP 500 – montepremi 2.195.175 euro) che si sta disputando sui prati dello storico Queen’s Club di Londra. E’ il quinto tennista italiano a riuscirci dopo Tieleman (finalista nel 1998), Pozzi e Sanguinetti (semifinalisti nel 2000) e Berrettini (vincitore nel 2021-2022). Il 21enne di Carrara, n.16 ATP (“best ranking proprio questa settimana) e sesta testa di serie, dopo il convincente successo in due set sul britannico Choinsky, n.167 del ranking, in tabellone grazie ad una wild card, ha battuto al secondo turno per 64 46 64, dopo due ore e dieci minuti di lotta, il mancino statunitense Ben Shelton, n.35 del ranking.
“Sono soddisfatto perché è difficile rispondere al suo servizio – ha commentato l’azzurro –. Ho avuto diverse palle-break che però non sono riuscito a sfruttare. Sono stato molto paziente e probabilmente è stata questa la chiave di questa vittoria. Ho lavorato tanto per riuscire a gestire al meglio i momenti in cui sono sotto pressione. Che effetto fa giocare contro uno più giovane di me? Ci sono in giro tanti ragazzi nel circuito più giovani di me, la next generation sta già arrivando…”.
Tutti positivi o quasi i numeri di Lorenzo: 4 ace (con due di questi ha chiuso primo e terzo set) contro 2 doppi falli, il 62% di prime in campo con il quale ha ottenuto il 77% dei punti ma anche un buon 63% di punti vinti con la seconda. Nota dolente le palle-break convertite, solo 2 su 10 (con molto merito del suo avversario): a referto 19 vincenti a fronte di 5 gratuiti (34 contro 16 il bilancio di Shelton).
Nei quarti Musetti dovrà vedersela venerdì o con il britannico Ryan Peniston, 27enne di Southend-on-Sea, n.265 del ranking, in tabellone grazie ad una wild card, o con il danese Holger Rune, 20enne di Gentofte, n.6 ATP e secondo favorito del torneo.Lorenzo sta iniziando a prendere confidenza con i prati: la scorsa settimana a Stoccarda ha vinto i suoi primi match in carriera sull’erba (ha battuto Gojo e Barrere prima di cedere nei quarti a Tiafoe, poi vincitore del torneo). Ora un altro quarto molto più prestigioso, in un “500”: d’ora in avanti ci sarà anche lui tra quelli da tenere d’occhio sulla superficie più affascinante.

dal sito www.federtennis.it