AtletiNewsTornei Internazionali

NELLE QUALIFICAZIONI FEMMINILI DI WIMBLEDON BENE STEFANINI, STOP PER NURIA BRANCACCIO. DOMANI I SEI AZZURRI AL 2° TURNO CERCANO LA SFIDA DECISIVA

Esordio positivo per Lucrezia Stefanini nel tabellone femminile delle qualificazioni di Wimbledon, terzo Slam del 2023, che si stanno disputando sui campi in erba di Roehampton, a Londra (lunedì 3 luglio il via al tabellone principale con i match che si disputeranno all’All England Club). Sono tre gli incontri da vincere per accedere al main draw del torneo londinese, che quest’anno offre un montepremi record: 44.700.000 sterline. La 25enne di Carmignano, n.110 WTA e 18esima testa di serie, ha liquidato 61 62, in appena 58 minuti di partita, la brasiliana Carolina Alves, 27enne di Campinas, n.225 del ranking, mai affrontata prima in carriera. Al secondo turno la tennista toscana dovrà vedersela con l’australiana Priscilla Hon, n.179 del ranking: la 25enne di Brisbane si è aggiudicata l’unico precedente con l’azzurra, disputato al primo turno del WTA 125 di Firenze (terra) a metà maggio. Nulla da fare, invece, per Nuria Brancaccio, n.177 WTA, sconfitta 62 62, in un’ora e sei minuti di gioco, dalla canadese Katherine Sebov, n.157 del ranking. La 24enne di Toronto ha dunque confermato il risultato dell’unico precedente con la 23enne di Torre del Greco, disputato al primo turno dell’UITF di Monastir 3 lo scorso anno. Nel tabellone maschile invece torneranno in campo mercoledì per il secondo turno i 6 azzurri (erano in 16 al via) rimasti in corsa. Derby tricolore tra Matteo Arnaldi, n.78 ATP e prima testa di serie, e Federico Gaio, n.219 del ranking: il 21enne di Sanremo ha vinto molto nettamente l’unico precedente con il 31enne di Faenza, disputato al primo turno del Challenger di San Marino (terra) lo scorso anno. Sfida inedita invece quella tra Luca Nardi, n.154 ATP, ed il giapponese Taro Daniel, n.105 del ranking e quarta testa di serie. Esame di francese per Giulio Zeppieri, n.125 ATP e 23esima testa di serie, che trova dall’altra parte della rete Lucas Pouille, n.386 del ranking, tornato a giocare dopo un periodo piuttosto complicato ma che a Wimbledon ha raggiunto i quarti nel 2016 (nessun precedente). Matteo Gigante, n.254 ATP, deve vedersela con il canadese Gabriel Diallo, n.140 del ranking e 29esima testa di serie (sfida inedita), mentre Mattia Bellucci, n.160 ATP, affronta il belga Raphael Collignon, n.212 del ranking (anche in questo caso non ci sono precedenti).

dal sito www.federtennis.it