AtletiNewsTornei Internazionali

DOPO ARNALDI ANCHE LUCREZIA STEFANINI CENTRA IL MAIN DRAW A WIMBLEDON

Nel tabellone femminile delle qualificazioni di Wimbledon è stata una battaglia incredibile quella vinta da Lucrezia Stefanini: la 25enne di Carmignano, n.110 WTA e 18esima testa di serie. Ha superato al turno decisivo 62 67(3) 76 (11-9), dopo oltre tre ore di lotta, la taiwanese Su-Wei Hsieh, n.954 del ranking, dopo aver annulato un match-point nel dodicesimo gioco del set decisivo. Avversaria complicata 37enne di Kaohsiung, arrivata fino al n.23 nel 2013, che a Wimbledon vanta gli ottavi nel 2018 in singolare e ben tre titoli in doppio (2013, 2019 e 2021). Una valanga di break hanno caratterizzato la sfida tra due giocatrici che hanno la caratteristica di tirare sia diritto che rovescio a due mani. Basti pensare che nel terzo set per ben quattro volte la giocatrice toscana ha preso un break di vantaggio che poi non è riuscita a difendere rischiando la beffa di quel match-point, per fortuna annullato nel dodicesimo game. Ha finito per decidere il super tie-break: Stefanini è stata avanti 6-3, si è fatta superare (7-6), è arrivata al doppio match-point (9-7), ancora Hsieh l’ha riagguantata (9-9 e richiesta di “medical time ou”!) prima che l’azzurra riuscisse a chiudere per 11 punti a 9. Anche per Stefanini sarà la prima volta nel tabellone principale di Wimbledon, come per il sanremese Matteo Arnaldi.
Oggi andranno in scena i sorteggi dei due main draw.

di redazione