AtletiNewsTornei Internazionali

DJOKOVIC INIZIA BENE A WIMBLEDON. PER MUSETTI C’E’ MUNAR

Tre set, anche se giocati, hanno visto mettere a Novak Djokovic, il campione uscente, il primo sigillo vincente sul torneo di Wimbledon 2023. Il plurititolato campione ha battuto il sudamericano Pedro Cachin con lo score di 6-3 6-2 7-6. Lotta nel terzo parziale, chiusa al tie-break dal serbo che, come già capitato più volte nella propria storia, è arrivato a Wimbledon senza tornei precedenti sull’erba: “E’ sempre stato il mio sogno – ha detto alla fine – vincere Wimbledon e si è materializzato nel 2011. Ogni volta che torno qui mi vengono in mente quei ricordi. E’ com se fossi connesso a quel bambino che in Serbia sognava di vincere il più grande e prestigioso torneo al mondo. Cerco di non dare mai per scontato ogni match e ogni minuto che passo su questo campo. Non giocando tornei di preparazione per me il primo turno è sempre insidioso. Un applauso a Pedro che oggi ha giocato bene. L’erba richiede più tempo per adattarsi rispetto alla terra ma ci sono riuscito molto bene in passato e non vedo perchè non dovrei ripetermi”. Nella seconda parte di giornata sono andati a segno anche il norvegese Ruud, sul francese Lokoli, il belga Goffin, che ha stoppato in quattro set l’ungherese Marozsan. Il derby francese di primo turno tra Moutet e Gasquet è andato al primo, meno esperto ma più tonico, in tre frazioni. Promossi al secondo turno anche il tedesco Marterer, che ha sconfitto il croato Gojo e Mikael Ymer, che ha fatto altrettanto con lo slovacco Molcan. Otte ha battuto Koepfer in un derby di Germania, mentre l’australiano Thompson ha avuto la meglio in cinque set ssull’americano Nakashima.
Felix Auger Aliassime ha confermato il suo momento negativo ed è stato eliminato dall’americano Mmoh per 6-4 al quarto set. Bene anche Wolf e Munar, prossimo avversario di Musetti, che ha posto subito fine alla corsa dell’esperto Isner. Coach Tartarini aveva espresso il gradimento, per l’avversario di 2° turno del suo pupillo, su Munar. Il britannico Choinski ha sorpreso in quattro frazioni il serbo Dusan Lajovic.

di redazione