AtletiNewsTornei Internazionali

SONEGO E BERRETTINI FERMATI DALLA PIOGGIA. BUONA LA PRIMA DI ALCARAZ

Cinquantotto minuti di gioco (con sei di sosta sul campo numero 12 per umidità), poi lo stop quando le condizioni meteo sono diventate inclementi. L’attesa è diventata infinita ora dopo ora, con rinvii di 45 minuti in 45 minuti. Vano il tentativo di riprendere attorno alle 17,30 italiane con la “levata” dei teloni sui campi outdoor. E’ durata pochissimo perché la pioggia è tornata protagonista, e con lei le nuove coperture. Prima Lorenzo Sonego e Matteo Berrettini se le erano date di santa ragione con il torinese più lucido nel tie-break del set d’apertura nel quale è stato indietro di un mini-break ma alla fine ha chiuso 7-5. Dominanti i servizi di entrambi, fino all’ottavo gioco, poi qualche breccia ma nessun break. L’amicizia tra i due, fin dalle categorie giovanili, non ha intaccato il livello agonistico e la sfida si annuncia aperta ad ogni tipo di soluzione. Sonego ha retto ma Berrettini è salito rispetto a quello “mesto” da lui battuto a Stoccarda alcune settimane fa. Domani si riparte, il tempo si prevede meno ingeneroso.
Nella giornata della pioggia e dei rinvii, con programma interamente stravolto, i big non hanno sbagliato gli esordi. Il numero 1 del mondo, Carlos Alcaraz, ha battuto in tre set il veterano Jeremy Chardy, rientrato nel circuito quest’anno ma ormai prossimo al ritiro. Il murciano ha dominato i primi due set per forza propria e per i tanti errori del transalpino, falloso soprattutto al servizio. Nel terzo set l’iberico ha mollato un attimo la presa e Chardy ha reagito portandosi in vantaggio di un break (4-2). Carlos, lo scorso anno al 4° turno, ha immediatamente rimediato e chiuso al 12° gioco: “I primi due set sono stati al limite della perfezione – ha detto Alcaraz al termine – e lo sentivo anche dal suono della palla quando la colpivo. Sull’erba bisogna stare attenti ed evitare cali di concentrazione”. I suoi obiettivi sono chiari: “Sono qui per vincere il torneo”. Non manca il rammarico per non essere stato della festa sul Centrale, con Federer: “Magari – ha concluso – se rimarrà a Londra per qualche giorno avrà la possibilità di vedere qualche mio match. Mi piacerebbe incontrarlo e poter scambiare qualche parola con lui”.
A segno anche Cameron Norrie, contro il ceco Machac, e lidolo Andy Murray, che ha concesso poco al connazionale Peniston, sul “pezzo” solo per metà primo set.

di Roberto Bertellino
Risultati

1° turno maschile: Murray (Gbr) b. Peniston (Gbr) 6-3 6-0 6-1; Alcaraz (Spa) b. Chardy (Fra) 6-2 6-0 7-5; Norrie (Gbr) b. Machac (Cze) 6-3 4-6 6-1 6-4;