AtletiNewsRegioniTornei InternazionaliVeneto

A VERONA QUARTI INFELICI PER GLI AZZURRI

Quarti fatali per i tre tennisti italiani ancora in corsa agli “Internazionali di Tennis Verona”, torneo Challenger ATP da 118.000 euro di montepremi che si sta svolgendo sui campi in terra rossa del Circolo Scaligero. L’ultimo in ordine di tempo ad uscire di scena è stato Stefano Napolitano. Nel match che ha chiuso il programma il 28enne di Biella, n.312 ATP, promosso dalle qualificazioni, è stato battuto 16 61 62, in un’ora e tre quarti di gioco, dal belga David Goffin, n.111 del ranking e primo favorito del seeding, che ha confermato il risultato dell’unico precedente, al primo turno del Challenger di Vercelli (terra) nel lontano 2014. Oggi il 32enne di Rocourt (arrivato fino al n.7 del ranking ad aprile del 2017) si giocherà l’ingresso in finale con l’ucraino Vitalyi Sachko, n.188 ATP e nona testa di serie, che ha sconfitto 75 63, in un’ora e 42 minuti, l’argentino Francisco Comesana, n.238 del ranking. Tra Goffin e Sachko non ci sono precedenti.
Non riesce la terza rimonta consecutiva a Francesco Passaro, dopo quelle con Pellegrino prima e con Gaio poi. Il 22enne di Pisa, n.171 ATP e quinto favorito del ranking, reduce dalla finale di Trieste, ha infatti ceduto 64 26 64, dopo quasi due ore e un quarto di partita, al francese Mathias Bourgue, n.313, promosso dalle qualificazioni. Il 29enne di Avignone sabato in semifinale troverà dall’altra parte della rete il ceco Vit Kopriva, n.248 del ranking, in tabellone come “alternate”, che ha superato in rimonta per 46 61 60, dopo oltre due ore di lotta, il 21enne italoargentino (è nato a Villa Gesel) Luciano Darderi, n.235 ATP. Anche quella tra Bourgue e Kopriva è una sfida inedita.

dal sito www.federtennis.it