AtletiNewsTornei Internazionali

A SAN MARINO UN CHALLENGER CON TANTI AZZURRI

Edoardo Lavagno e Alessandro Giannessi sono i primi due giocatori italiani a staccare il pass per il secondo turno della 30ª edizione degli Internazionali di Tennis San Marino Open, da quest’anno promossi a Challenger ATP 125 (montepremi € 145.000), in svolgimento sui campi in terra del Centro Cassa di Risparmio di Montecchio. Nell’incontro di apertura del main draw il 25enne mancino di Torino che sta vivendo la sua miglior stagione da professionista (n.232 Atp, dopo aver toccato il 223° posto un mese fa dopo la finale nel Challenger di Perugia) ha rispettato il pronostico contro il davisman sammarinese Marco De Rossi: il 26enne nazionale biancazzurro, in tabellone con una wild card, ha ceduto per 6-3 6-4 al mancino piemontese.
Nel secondo match il 33enne spezzino, dopo un primo set da dimenticare, è venuto fuori alla distanza imponendosi per 1-6 6-4 6-4, dopo due ore e 35 minuti, al tunisino Moez Echargui che lo segue di una cinquantina di posizioni in classifica (n.235 il mancino ligure e n.291 il 30enne di La Marsa). Giannessi al secondo turno troverà l’argentino Federico Delbonis, 32enne mancino di Azul, che nel match che ha chiuso il programma ha eliminato per 6-1 6-3 l’australiano Marc Polmans, ottava testa di serie. Avanza al 2° turno anche il bosniaco Nerman Fatic, che si è imposto in tre set sull’argentino Roman Andres Burruchaga, 21enne figlio dell’ex calciatore Jorge, campione del mondo nel 1986 con la Nazionale che aveva in Diego Armando Maradona la sua stella.
Oggi menu da leccarsi i baffi (inizio degli incontri alle ore 11), con l’ingresso in scena di tutti i protagonisti più attesi, a cominciare dal francese Alexandre Muller (n.81 del ranking), primo favorito del seeding, che apre il programma sul Centrale con il ravennate Enrico Dalla Valle, uno dei tre italiani promossi dalle qualificazioni nonostante un fastidioso virus intestinale con cui deve fare i conti in questi giorni. “Sarà un match assai complicato per il valore del mio avversario, che sta vivendo la sua miglior stagione nel tour – afferma il 25enne romagnolo che da novembre fa base alla Galimberti Tennis Academy – però anche io vengo da un buon periodo, con i successi nei Futures ITF di Cattolica e Celje e i quarti al Challenger di Trieste, superando anche Flavio Cobolli. Questo significa che finalmente sto bene fisicamente. Conosco il tennista francese, anche perché siamo più o meno coetanei, e darò il massimo per fornire una prestazione all’altezza, contando anche sull’apporto del pubblico”. Sempre sul Centrale fa il suo esordio Flavio Cobolli, in gara con una wild card e quinta testa di serie, opposto al qualificato francese Kyrian Jacquet. Poi una sfida che promette scintille, fra Francesco Passaro, recente finalista al Challenger di Trieste, e lo spagnolo Jaume Munar, questa settimana n.91 Atp dopo i quarti di finale raggiunti nei tornei Atp 250 di Gstaad e Umago, seconda forza del tabellone. 
Alle 18 toccherà al belga David Goffin, ex n.7 del mondo e terzo favorito del torneo, chiamato a misurarsi con il faentino Federico Gaio, seguito sul Titano come tecnico dalla sua concittadina Raffaella Reggi. E a completare il crescendo, anche in termini di attesa per gli appassionati, il debutto di Fabio Fognini, l’unico azzurro ad aver conquistato un Masters 1000 (a Monte-Carlo), simbolo del tennis italiano, in tabellone con una wild card e quarta testa di serie, che nella sua prima partecipazione agli Internazionali San Marino Open trova dall’altra parte della rete l’argentino Andrea Collarini. Oltre ai cinque incontri sul Centrale, il cartellone prevede anche altri sette match (fra campo 3 e campo 2 “De Luigi”) a completare il primo turno del singolare. 
Insieme a Dalla Valle hanno superato le qualificazioni il riccionese Marcello Serafini, che ha fatto suo in tre set il derby romagnolo con Francesco Forti ribadendo l’esito del testa a testa disputato a San Benedetto del Tronto (a Modena invece aveva vinto il 23enne di Cesenatico), e il bolzanino Alexander Weis, dodici mesi fa arrivato nei quarti partendo dalle qualificazioni, vincitore in due set sul siciliano Fausto Tabacco. Stop al turno decisivo, invece, per Lorenzo Rottoli e Gianmarco Ferrari.

dal sito www.supertennis.tv