AtletiNewsTornei Internazionali

A SAN MARINO MUNAR E DELBONIS NEI QUARTI. QUESTA SERA FOGNINI – LAVAGNO

Federico Delbonis e Jaume Munar sono i primi due giocatori a staccare il pass per i quarti di finale della 30ª edizione degli Internazionali di Tennis San Marino Open, da quest’anno promossi a Challenger ATP 125 (montepremi € 145.000), in svolgimento sui campi in terra del Centro Cassa di Risparmio di Montecchio. Dopo il tutto esaurito di martedì sera, quando per l’esordio assoluto di Fabio Fognini nell’antica Repubblica erano presenti quasi tremila persone, nell’incontro di apertura sul Centrale il 30enne argentino, attualmente n.234 Atp ma con un best ranking al 33° posto, ha domato in tre set Alessandro Giannessi, che lo segue di una posizione in classifica mondiale. Dopo aver perso il primo parziale, il 33enne mancino della Spezia, che al debutto si era imposto in rimonta sul tunisino Moez Echargui, ha reagito nel secondo set riuscendo a pareggiare la situazione, ma nel terzo ha pagato lo sforzo e ormai senza più energie ha ceduto di schianto dopo quasi due ore e mezza alla solidità del rivale, grande specialista del “rosso”, superficie sulla quale ha conquistato due titoli nel circuito maggiore (San Paolo e Marrakech), oltre ad altrettante finali (Nizza e Amburgo), spingendosi sino al 33° posto mondiale. “E’ stata una dura battaglia, anche per via del caldo, alla fine sono riuscito ad esprimermi meglio nel set decisivo, dove il mio avversario era più stanco, così da portare il match dalla mia parte – commenta Delbonis, entrato nella storia sportiva del suo Paese conquistando nell’ultimo singolare della finale con la Croazia il punto decisivo su Ivo Karlovic per la prima Coppa Davis vinta dalla squadra “albiceleste” – E’ la mia prima volta a San Marino, in passato ci sono stato vicino avendo giocato a Rimini e Pesaro: mi trovo davvero bene, sia per la qualità della location e dei servizi che per la professionalità di tutto lo staff, devo ringraziare per l’accoglienza ricevuta. Obiettivi? Devo solo pensare un turno alla volta, che sia il primo o i quarti, giocando con questa attitudine per esprimere il mio tennis”.
Avanza anche il bosniaco Nerman Fatic, seguito come coach da Patricio Remondegui, che ha regolato per 7-5 6-4, in un ‘ora e 35 minuti di gioco, il qualficato francese Kyrian Jacquet, martedì “giustiziere” di Flavio Cobolli, n.5 del seeding. Stacca il pass per i quarti anche David Goffin. Nel match clou serale il belgaex numero 7 del mondo (al momento al 100° posto del ranking), si è imposto in rimonta, con il punteggio di 6-7(0) 6-2 6-2 sull’ucraino Vitaliy Sachko (n.256), prendendosi così la rivincita per la sconfitta patita in semifinale al Challenger di Verona sabato scorso. Goffin affronterà nei quarti venerdì il bosniaco Nerman Fatic.     
Oggi si completa il quadro dei quarti. In campo Weis contro il monegasco Vacherot; a seguire i due qualkificati Dalla Valle e Pellegrino; non prima delle 20,30, sul centrale Fabio Fognini sfiderà il torinese numero 232 ATP Edoardo Lavagno: “Sono molto emozionato e al contempo motivato – ha detto l’allievo di Laurent Bondaz – perchè ho sempre stimato e guardato con u’attenzione particolare il talento di Fabio che ha fatto la storia del tennis italiano. Ho visto il suo match di primo turno contro Collarini e lo stadio era pieno. Lo sarà anche questa sera e certo non sarà un match come gli altri per il sottoscritto. Spero di fare una gran partita e meritarmi questa platea. Un ulteriore bagno di esperienza nel mio percorso di crescita. Dopo alcune settimane di calo seguite alla finale di Perugia oro sto giocando meglio e sono tornato ad avere più fiducia”. In gara anche Coppejans e Rincon per l’ultimo posto nei quarti.

di redazione