AtletiNewsTornei Internazionali

SINNER, PRIMO TITOLO 1000 E BEST RANKING

Una grande soddisfazione al termine del match vinto per Jannik Sinner che alla sooglia della mezzanotte italiana ha centrato al terzo tentativo il suo primo titolo 1000, a Toronto. In finale ha sconfitto 6-4 6-1 il “demonietto” australiano Alex De Minaur, contro il quale aveva già vinto in carriera la sfida decisiva delle Next Gen ATP Finals di Milano nel 2021. L’azzurro, che oggi è salito al best ranking (6 ATP) aveva perso i due precedenti atti conclusivi dei 1000 giocati a Miami nel 2021 e nel 2023. Ieri è stato perfetto chiudendo le ostilità dopo un’ora e trenta minuti di gioco pressante. Partenza in scioltezza di Jannik (2-0), poi reazione dell’australiano che si allena a Valencia, risalito sul 2-2. Entrambi i giocatori si sono dimostrati più efficaci in fase di risposta che al servizio. Nuovo balzo in avanti dell’azzurro, che con quello di ieri è arrivato al titolo ATP numero 8 vinto da professionista nel massimo circuito, per il 4-2. Ancora De Minaur, un piccolo muro di gomma capace di rimandare tutto dalla parte opposta della rete, a segno nei due game successivi, per il 4-4. A questo punto Sinner ha cambiato volto e marcia chiudendo sul 6-4 la prima frazione, con un gran game in risposta dopo aver tenuto la battuta. La seconda frazione è stata molto meno complicata per l’azzurro che ha messo in campo anche alcune variazioni nei momenti delicati, vedi palle corte, e ha dimostrato di essere cresciuto sotto ogni punto di vista: “Significa molto questa vittoria – ha detto a caldo – e voglio condividerla con quanti lavorano con me ogni giorno. Tutto il mio staff, ovviamente, anche chi non è qui in questo momento. Significa che stiamo facendo le cose giuste e ci dà ulteriore forza per proseguire sulla strada tracciata. Continueremo a lavorare duro in futuro”. “Sono orgoglioso di come ho gestito la situazione e la pressione del momento”. L’azzurro è il più giovane vincitorte del Masters 1000 di Toronto dal 2017 quando a conquistarlo era stato un venetenne Alexander Zverev. Ora un giorno di stacco, giocando e migliorando a golf con Cahill, e poi il 1000 di Cincinnati.

di redazione