NewsPiemonteRegioni

PRESENTATA OGGI ALLA SAA DI TORINO LA CONVENZIONE CON I RONCHIVERDI

Il termine che è risuonato più volte nell’aula Master della SAA – School of Management di Torino è stato “innovazione”. Lo hanno pronunciato i massimi dirigenti dell’organismo, lo ha ripetuto il manager dei Ronchiverdi Massimo Di Conza, così il famoso stilista Carlo Pignatelli che ha raccontato agli studenti presenti la sua storia, nata in un paese in provincia di Brindisi e proseguita dai 20 anni a Torino fino ad arrivare ai vertici della moda nazionale e internazionale. L’occasione è stata la convenzione siglata tra le due realtà d’eccellenza torinesi che porterà gli studenti ad arricchire la loro formazione manageriale in un club d’eccellenza tra movimento, networking, aree verdi, benessere e business club. L’accordo permetterà a tutti gli studenti della business school di accedere agli impianti di SAA University & Wellness, Campus riservato loro negli spazi dei Ronchiverdi.
SAA U.W Lab diventerà un incubatore di nuovi progetti ed iniziative che vedrà gli studenti e i manager delle aziende partner collaborare ed organizzare eventi e sinergie tra il mondo della formazione, del management e dello sport.
”Questa partnership” ha dichiarato Davide Caregnato, direttore SAA” consentirà ai nostri studenti di sviluppare nuove e importanti competenze in uno dei contesti di riferimento di Torino, creando sinergie con i prestigiosi business partner del network dei Ronchiverdi”. “È un anno che lavoriamo su questo progetto dedicato a due importanti eccellenze – precisa Massimo di Conza, manager del Ronchiverdi Spa -, Steve Jobs diceva: È l’innovazione che distingue il leader dal seguace. Siamo i primi a realizzare un progetto di questo tipo: faremo fare sport, si inizierà da una visita medica, e daremo poi la possibilità ai ragazzi di fare business incontrando i nostri partner una volta al mese”. “Sono arrivato a Torino da Brindisi a soli vent’anni – spiega Carlo Pignatelli – dal nulla ho creato un’azienda, il mio segreto è stato inventare, inventare sempre. Quindi ai ragazzi dico: abbiate sempre il coraggio di inventare”.
Molto interessante anche l’intervento di Dario Destefanis, dirigente responsabile Divisione Grandi Eventi del Comune di Torino: “Si tratta di un’iniziativa molto valida – ha esordito – poiché ritengo che per gli studenti sia fondamentale frequentare le aziende in anticipo rispetto alla Laurea. Parliamo poi di “mens sana in corpore sano” nel rispetto di uno stile che gli americani hanno imparato molto prima di noi. Per essere lucidi e creativi occorre essere perfetti sia sotto il profilo fisico che mentale. Ritengo che sia il privato che il pubblico abbiano bisogno di giovani manager cresciuti con questa filosofia. Innovazione, dunque ma anche tempo per se stessi, i propri interessi, le proprie famiglie. La Pubblica Amministrazione torinese sta puntando molto su questi temi e la ritengo in tale ottica all’avanguardia. Io sono entrato a farne parte dopo oltre 30 anni di lavoro nel privato”. Molto coinvolti nel progetto gli studenti, rappresentati da due ambassador che avranno proprio il compito di pubblicizzarlo tra i loro “colleghi”, sia in SAA che ai Ronchiverdi: “Un’opportunità unica – hanno detto Vittorio e Lucia all’unisono – che non può lasciarci indifferenti”.
Il futuro è già qui.

di redazione