AtletiNewsRegioniSardegnaTornei Internazionali

LESTIENNE AVANZA AD OLBIA. ANCHE COBOLLI CENTRA I QUARTI

Constant Lestienne è il primo giocatore ai quarti di finale dell’Olbia Challenger. Il tennista di Amiens, seconda testa di serie, si è aggiudicato il derby contro il promettente Arthur Cazaux con il punteggio di 6-2 6-4. Nella mattina si sono completate le sfide di primo turno che erano state rimandate per oscurità e nello specifico hanno premiato il belga Joris De Loore ed i tre francesi Ugo Blanchet, Kyrian Jacquet e Mathias Bourgue. Nel torneo di doppio è sceso in campo il classe 2006 di Alghero Lorenzo Carboni affiancato da Peter Buldorini. I due azzurri hanno dato battaglia agli indiani Anirudh Chandrasekar e Vijay Sundar Prashanth, che hanno avuto però la meglio per 6-3 7-6(3). Nella sessione serale del torneo ATP Challenger 125 organizzato da MEF Tennis Events sui campi del TC Terranova sarà derby tra Flavio Cobolli e Federico Gaio. Oggi si definirà invece il quadro completo dei quarti di finale.
L’ingresso in top 50, qualche problema fisico, diverse sconfitte ed il ritorno nei Challenger. Constant Lestienne ha vissuto questa parabola negli ultimi dieci mesi, ma è già pronto a tornare tra i grandi. Vincitore di tre titoli Challenger in stagione (Stanford, Saint Tropez ed Alicante), il transalpino si è presentato ad Olbia da numero 93 ATP. Dopo l’esordio vincente contro il talento iberico Daniel Rincon, Lestienne ha superato per 6-2 6-4 anche il promettente connazionale Arthur Cazaux: “Giocare un derby non è mai facile, per di più contro un ragazzo delle prospettive di Arthur. Sono contento di aver trovato la chiave per batterlo, anche perché tra due anni potrebbe essere lui a ‘prendermi a calci nel di dietro’”. Nei  quarti di finale in programma venerdì 20 ottobre il francese troverà uno tra Cobolli e Gaio. L’obiettivo è naturalmente dare seguito alla caccia al titolo, anche con l’ottica di migliorare ulteriormente la propria classifica: “Ad inizio anno qualche infortunio mi ha impedito di rendere al meglio e ho perso tanti match nel circuito maggiore. Poi sono tornato nei Challenger per trovare una condizione migliore e ho vinto tre tornei, questo mi dà fiducia sul mio valore”.
Flavio Cobolli non smette di brillare e nella serata di Olbia stacca il pass per i quarti di finale battendo Federico Gaio. Il tennista romano si è aggiudicato il derby in 1 ora e 19 minuti con il punteggio di 6-2 6-4 e si prepara ad affrontare la seconda testa di serie Constant Lestienne per un posto in semifinale all’Olbia Challenger. Sui campi in cemento del TC Terranova, teatro del torneo ATP Challenger 125 organizzato da MEF Tennis Events, nella giornata di giovedì 19 ottobre si completeranno i secondi turni. Oltre alla prima testa di serie Alexandre Muller, impegnato contro il connazionale Ugo Blanchet, c’è grande attesa per il derby tra Mattia Bellucci e Raul Brancaccio.
Cobolli prosegue a gonfie vele – Fresco di best ranking alla posizione numero 106 della classifica ATP, Flavio Cobolli continua a dare la caccia alla top 100 e alla qualificazione per le Next Gen ATP Finals di Jeddah. Nell’ultimo match di giornata il romano ha amministrato con grande autorevolezza la sfida con Federico Gaio, vinta 6-2 6-4. “Affrontare Federico è sempre complicato, è un amico e ha fatto una grande stagione. Personalmente sono motivato e contento della mia prestazione – le parole di Cobolli nell’intervista post partita -. L’adattamento al cemento dopo tanta terra non è stato complicato, anche perché qui ad Olbia la superficie è abbastanza lenta. Il quarto di finale contro Lestienne? Lui è un giocatore esperto e molto forte, quindi dovrò lottare e soffrire per avere la meglio”.

2° turno

Flavio Cobolli (7) b. Federico Gaio 6-2 6-4
Constant Lestienne (2) b. Arthur Cazaux 6-2 6-4

1° turno
Ugo Blanchet (SE) b. Zdenek Kolar 7-5 6-1
Kyrian jacquet (Q) b. Vladyslav Orlov (Q) 5-7 6-3 6-4

Joris De Loore (SE) b. Thiago Tirante (3) 6-3 6-2
Mathias Bourgue (Q) b. Corentin Moutet (6) 7-6(4) 1-6 6-1


da ufficio stampa torneo (Sport Face) foto Mattia Martegani