AtletiNewsTornei Internazionali

SONEGO AVANZA A VIENNA, SI FERMA SUBITO MUSETTI. BENE ANCHE RUBLEV, OGGI C’E’ SINNER

Lorenzo Sonego è salito negli ottavi di finale del “500 ATP” di Vienna, uno dei “suoi” tornei nel quale colse la finale nel 2020, battendo anche Novak Djokovic nei quarti. Ieri il torinese, ripescato come lucky loser, ha sconfitto in tre set (6-4 5-7 6-2) l’argentino Francisco Cerundolo, numero 21 del ranking. Primo set caratterizzato da un break, con l’azzurro capace di tenere alte le percentuali al servizio. Nel secondo grande equilibrio fino al 12° gioco nel quale Sonego ha concesso le prime palle break del set. Sulla seconda Cerundolo è stato anche fortunato ed ha chiuso con un nastro vincente che gli ha regalato la frazione. Nella terza bravo Sonego a non abbattersi, ripartire di gran lena e farla propria con due break, per la promozione al turno successivo dove attende il vincente del match programmato oggi (terzo sul centrale dalle 14) tra Ben Shelton e Jannik Sinner: “Nel terzo set sono tornato a mettere i piedi dentro il campo ed ho fatto la differenza. Ora sarà difficile o contro Shelton o contro Jannik. L’americano ha un gran servizio e occorre cercare di limitarne l’efficacia. A Jannik dovrò cercare eventualmente di dare meno punti di riferimento possibili. Contento per la convocazione in Davis. Dovremo preparare in modo perfetto la grande sfida di Malaga”.
Subito fermata invece l’avventura viennese di Lorenzo Musetti, nelle ultime uscite di una stagione a questo punto da definire per lui mediocre. Dalla parte opposta della rete aveva un giocatore in palla come il bulgaro Dimitrov ma la sensazione è che il carrarino continui ad essere confuso e solo a tratti riesca a liberare il grande talento di cui dispone. Così gioca quasi in sordina mettendo qualche perla tra le soluzioni tattiche spesso sbagliate. Dimitrov lo ha martellato con il diritto ed ha chiuso i giochi con lo score di 6-3 6-4.
Ieri a Vienna sono stati promossi anche Tsitsipas, che ha fermato in due set lottati Thiem (7-6 6-4), Rublev, che ha battuto un buon Popyrin (7-6 6-4), Tiafoe (che ha approfittato del ritiro per infortunio di Evans, non banale); ed ancora Paul e Machac, che hanno sconfitto rispettivamente Muller e Vukic. Oggi esordisce anche il numero 1 del draw, Daniil Medvedev, contro il francese Fils.

di redazione