AtletiNewsTornei Internazionali

A PARIGI DJOKOVIC BATTE UN OTTIMO RUNE CHE SI QUALIFICA COMUNQUE PER LE FINALS

Novak Djokovic riscatta la sconfitta di un anno fa a Parigi Bercy contro Holger Rune. Vince 75 67(3) 64, raggiunge le 16 vittorie consecutive e le 31 complessive sul duro in stagione. Il danese ha salvato un match point sul 4-5 30-40 con una prima vincente, segno di quella personalità impossibile da disconoscere. ma non ha evitato la sconfitta. Rune comunque può sorridere: è infatti qualificato per le Nitto ATP Finals come Alexander Zverev che dunque completano il QUADRO degli otto eletti. Diokovic ha iniziato meglio la partita al servizio. Il serbo, numero 1 per la 397ma settimana, ha perso solo tre punti quando ha servito la seconda nel primo set.Nel secondo poi ha incassato il ritorno deciso di Rune che, anche grazie a un parziale di 9 punti a 1 nel finale, ha allungato al terzo. Ma il serbo ha completato il break in avvio, senza poi dare a Rune possibilità di rientrare. Ha così raggiunto la nona semifinale a Parigi-Bercy, e si pone a due vittorie dal settimo titolo. “È stata una partita simile alla finale dello scorso anno – ha detto Diokovic -. Io ho giocato molto male il tie-break del secondo set, forse è stato il peggiore di tutta la mia stagione. Complimenti a Holger che ha mantenuto la concentrazione e ha giocato un tennis molto solido”. Djokovic ha così portato sul 2-2 il bilancio degli scontri diretti con Rune, che da qualche settimana ha aggiunto nel suo staff Boris Becker, ex coach del serbo.”Da quando ha cominciato a lavorare con Boris sta giocando molto meglio – ha detto il numero 1 del mondo -. È una strana sensazione vedere Boris nell’angolo del mio avversario. Auguro tutto il meglio a lui e a Holger”.
Ora Djokovic guida la Pepperstone ATP Live Race to Turin, che offre un’indicazione aggiornata sugli scenari per la qualificazione alle Nitto ATP Finals e sulla corsa per il posto di numero 1 del mondo q fine anno, con 850 punti di vantaggio su Carlos Alcaraz. Il murciano è l’unico che sia riuscito a batterlo nelle ultime 30 partite giocate, nell’indimenticabile finale di Wimbledon. Rune si qualifica perché Alex De Minaur, unico che avrebbe potuto superarlo, è stato sconfitto 46 63 61 da Andrey Rublev nei quarti.
Oggi le semifinali. Alle 14 Dimitrov – Tsitispas e non prima delle 17 Djokovic – Rublev.

di redazione e supertennis.tv