AtletiNewsTornei Internazionali

A GEDDA IERI BATTUTI COBOLLI E NARDI. OGGI IL DERBY, ALLE 13. IL ROMANO E’ ANCORA IN CORSA PER UN POSTO IN SEMIFINALE

Ci ha provato Flavio Cobolli, giocando anche un bel tennis, ma non ha potuto più di tanto contro un avversario in grande spolvero. Resta però ancora la chance di agguantare un pass per le semifinali della sesta edizione delle Next Gen ATP Finals (due milioni di dollari di montepremi), che si stanno disputando sul veloce indoor della King Abdullah Sports City di Jeddah, in Arabia Saudita. Nel secondo match del day 2, per il Gruppo Verde, il 22enne romano, n.100 del ranking e quinta testa di serie, protagonista martedì del successo sullo svizzero Stricker (n.3), ha ceduto 4-1 4-2 4-2, in poco meno di un’ora di partita, al francese Arthur Fils, n.36 ATP e prima favorito del torneo, che ha dimostrato di essersi lasciato decisamente alle spalle le indecisioni del match d’esordio contro Nardi.  Gran performance di Fils al servizio: 5 ace (contro un solo doppio fallo), il 67% di prime in campo con il quale ha conquistato il 72% dei punti ed un 69% di punti vinti anche con la seconda: quattro palle-break su cinque cancellate. A referto 13 vincenti contro appena 4 errori non procurati (8 contro 7 il bilancio di Cobolli). 
Il match. Fils inizia con una prima al centro che quasi strappa la racchetta di mano a Cobolli, che nel punto successivo con un rovescio lungolinea lascia il francese a tre metri dalla palla. L’inizio è incoraggiante per l’azzurro ma ben presto il 19enne di Bondoufle – capace già di conquistare un trofeo ATP (sulla terra di Lione, a fine maggio) e giocare anche un’altra finale (sul veloce indoor di Anversa, a fine ottobre) – fa valere la sua maggiore completezza oltre all’adattabilità alla superficie. Fin dall’avvio del primo set Arthur serve benissimo (fa un po’ fatica solo nel game d’avvio), costringendo Flavio a dei veri e propri numeri in risposta. Pur giocando piuttosto bene il 21enne romano si ritrova sotto 3-0, riesce a conquistare un game in cui tira giù due ace ma non ad impedire a francese di chiudere 4-1.Nel secondo parziale Cobolli cede subito la battuta e quel break gli costa carissimo visto che Fils in tre turni di battuta concede solo due “quindici”, entrambi nel secondo game. Il francese tiene l’avversario a debita distanza e chiude 4-2. Il terzo set inizia come quello precedente: con un break di Fils (addirittura a zero) che sa già di sentenza, viste le percentuali del 19enne di Bondoufle al servizio. Ed invece Cobolli sfrutta la palla-break per strappare per la prima volta la battuta al transalpino (1-1). Arthur ne fa una questione d’orgoglio e con una risposta da paura brekka nuovamente a zero l’azzurro (2-1). Flavio con grinta e determinazione non smette di provarci ma il francese gioca solo negli immediati dintorni delle righe e chiude 4-2 con un rovescio lungolinea. Oggi Cobolli chiuderà i round robin del Gruppo Verde affrontando Luca Nardi – già quasi fuori – in un derby tricolore che per il romano può valere il pass per le semifinali.
Seconda sconftta consecutiva per Luca Nardi alle Next Gen Atp Finals di Jeddah. L’italiano, inserito nel Gruppo Verde, è stato battuto dallo svizzero Dominic Stricker in tre set col punteggio di 4-1 4-1 4-2 in appena 55′ di gioco.
Se contro Fils aveva trovato un avversario più strutturato e maturo nel gioco e nella costruzione del suo potenziale, Nardi nel suo secondo match si è imbattuto in uno Stricker in giornata di grazia: prime sontuose, errori ridotti al minimo, piedi ben dentro al campo e raffiche di vincenti a chiudere scambi da lui condotti senza alcuna esitazione. Difficile in tali condizioni trovare le risorse interiori per cercare di restare aggrappato al match come fatto contro il n.1 del seeding francese. I gratuti concessi nel primo set poi non lo hanno aiutato a trovare ritmo e fiducia per contrastare le inziative dello svizzero. E quelle poche fiammate con cui è riuscito di tanto in tanto a interromperne le scorribande, si sono rivelate insufficienti per minarne un livello che non ha subtio alcun calo nel corso del match.

dal sito www.supertennis.tv