AtletiIntervisteTornei Internazionali

NADAL, IN POCHE ORE DALLE NUOVE CERTEZZE AI NUOVI DUBBI

“Spero di avere la possibilità di allenarmi la prossima settimana e andare all’Australian Open. Ora, onestamente, non sono sicuro al 100% di nulla”. Rafa Nadal tiene i suoi tifosi sulle spine dopo la sconfitta contro Jordan Thompson nei quarti di finale del Brisbane International presented by EVIE. Nadal ha spiegato di aver sentito dolore vicino all’anca, nella stessa zona dove è stato operato per curare la lesione al flessore dell’anca. Ma non si tratterebbe dello stesso tipo di infortunio, almeno stando alle prime impressioni del giocatore. “L’anno scorso ho sentito immediatamente qualcosa di drastico, oggi invece no. Sento il muscolo stanco, ma essendo nello stesso posto sei più preoccupato. In un mondo ideale, è solo il muscolo che è sovraccaricato dopo qualche giorno sotto sforzo e al termine di una partita dura”. Dopo un anno di assenza, ha aggiunto, “è molto difficile tornare a giocare ai massimi livelli. Quando le cose si fanno più dure, non sai mai come reagirà il tuo corpo”. Rafa Nadal mantiene una cauta prudenza dopo la sconfitta contro Jordan Thompson, per il risultato ma soprattutto per i fastidi fisici all’anca. “Vediamo come mi sveglierò – ha aggiunto -, ed è questo il motivo per cui non sono stato troppo positivo parlando in questi giorni. Per me non è cambiato niente, il mio approccio rimane lo stesso. Devo accettare tutto come viene”. Nadal è rientrato a Brisbane dopo un anno di assenza, dopo l’infortunio all’iliopsoas sofferto all’Australian Open 2023 e la successiva operazione all’anca. Nel primo torneo ha vinto due partite, contro Dominic Thiem e Jason Kubler, prima di arrendersi 57 76(6) 63 dopo aver mancato tre match point. “E’ un inizio. Non giocavo un torneo da un anno e non è che comunque mi sia allenato per mesi al massimo livello” ha spiegato il maiorchino. La cosa importante, ha sottolineato, “è che ho giocato tre partite. Dal mio punto di vista, sono contento di come sia andata la settimana: se poi il problema che ho sentito oggi non sarà importante, allora potrò dire che è stata una settimana molto positiva. Vediamo cosa succederà nei prossimi due giorni. Se poi non dovessi sentirmi bene, allora faremo dei controlli e cercheremo di capirne di più. Ora però è il momento di restare calmi e aspettare. Possono succedere tante cose in un corpo come il mio, fermo da un anno”.

di redazione e sito www.supertennis.tv