AtletiNewsTornei Internazionali

NELLA NOTTE ITALIANA CHE VERRA’ SINNER INIZIA IL SUO 2024 AL KOOYONG CLASSIC


Come si è soliti fare con le vere stelle d’ogni settore a Jannik Sinner verrà affidata, nella notte italiana (l’una ora nostra) l’apertura dell’edizione 2024 del Kooyong Classic, esibizione di lusso che ha quale teatro l’impianto che fino al 1987, prima del trasferimento a Melbourne Park, ha ospitato gli Australian Open. Il numero 1 d’Italia e 4 del mondo inizia così, agonisticamente parlando, la marcia di avvicinamento al primo Slam stagionale, nel quale parte come osservato speciale e inserito nella ristretta cerchia dei favoriti. Il suo primo avversario sarà l’australiano Marc Polmans, 26enne di origini sudafricane ed attuale numero 156 del ranking ATP, con miglior classifica di numero 116. Professionista dal 2015 è un giocatore a tutto campo che frequenta prevalentemente il circuito Challenger. Nel suo ultimo torneo del 2023, a Yokkaichi, ha centrato la semifinale, persa con il belga Bergs, dopo aver sconfitto nei quarti il novarese Giovanni Fonio. Un avvio sulla carta soft per l’altoatesino che ha deciso di preparare gli Australian Open, come fatto da altri grandi nomi del circuito, su tutti Alcaraz, senza partecipare a tornei ufficiali. In questi giorni Sinner si è allenato a Melbourne con buona intensità mettendo in mostra un’ottima forma, fisica, mentale e tecnica. Il primo a testare il 4 gennaio scorso la potenza dei suoi colpi è stato il 15enne australiano Daniel Jovanovski, buon talento e osservato speciale in “casa Australia” in ragione del suo potenziale. Sinner non gioca un match ufficiale dalla Coppa Davis a Malaga che ha incoronato campione l’Italia per la seconda volta nella propria storia. Ha “staccato la spina” dopo la grande impresa per alcuni giorni, riprendendo poi gli allenamenti in Spagna, ad Alicante, dove ha curato con il proprio staff sia la parte tecnica che quella atletica, con sedute anche molto pesanti per aumentare ulteriormente la forza. Ha chiuso il 2023 con una prima di servizio salutando sul suo profilo Instagram i fan che ormai continuano a crescere, di giorno in giorno. Si è anche concesso una sciata, suo primo amore, durante le vacanze natalizie mettendo in mostra anche in questo caso una tecnica invidiabile con tanto di attrezzi larghi e paralleli posizionati da vero professionista verso la massima pendenza.
L’azzurro sarà in buona compagnia nel torneo esibizione in terra australiana che durerà fino al 12 gennaio. Dopo il suo incontro la prima giornata prevede infatti la sfida tra il campione dalle molte vite, Andy Murray, e il croato Marin Cilic. Match che ha il sapore dell’antico ma che assicura spettacolo per la statura e la storia dei due protagonisti. Sarà poi la volta di Holger Rune, fresco di finale nel 250 ATP di Brisbane, opposto al potente russo Karen Khachanov. A chiudere il testa a testa tra un altro giocatore potente e di ritmo come Frances Tiafoe e il cinese Zhang Zhizhen. Gli appassionati potranno seguire l’evento in diretta su Supertennis e SuperTenniX. Annunciato anche l’incontro femminile tra la britannica Emma Raducanu, tornata a competere la scorsa settimana dopo un’assenza di otto mesi e la sedicenne russa Mirra Andreeva. Suggestivo il testa a testa che sarà una prima volta per entrambe.
Il torneo ha una tradizione lunga e un albo d’oro di prestigio in cui spiccano le tre vittorie consecutive di Michael Chang (1995–97), Andre Agassi (2000–01, 2003) e Andy Roddick (2006–08). Il Kooyong Classic fa parte del calendario tennistico dal 1988, il primo anno in cui l’impianto ha smesso di ospitare l’Australian Open, trasferito a Flinders Park, che dal 1996 conosciamo come Melbourne Park.

di Roberto Bertellino