AtletiNewsTornei Internazionali

SONEGO CI PROVA E STRAPPA UN SET AD ALCARAZ, MA ALLA FINE PASSA LO SPAGNOLO

Una bella partita. E’ il commento che scaturisce al termine della sfida di secondo turno tra Lorenzo Sonego e Carlos Alcaraz, numero 2 del mondo e del seeding. L’ha vinta lo spagnolo ma Sonego non ha affatto demeritato, mettendo in mostra un livello di gioco che vale i top 30. Primo set conquistato dal murciano al decimo gioco. Nel secondo il torinese ha alzato il tasso tecnico, servendo l’85% di prime palle. Nel tie-break è stato lui a fare la differenza e chiudere per 7 punti a 3. Sull’inerzia della vittoria parziale l’azzurro è andato 30-0 nel primo game sul servizio del giovane avversario, che però ha recuperato e tenuto il gioco. Break in favore dell’iberico nel secondo game, che ha indirizzato il set verso di lui. Nel quarto Sonego ha strappato per la prima volta la battuta ad Alcaraz ma poi l’ha ceduta. Alcuni punti hanno esaltato il pubblico, e sono andati da una parte e dall’altra. Un altro tie-break è andato in scena in chiusura di frazione. Questa volta è stato il murciano ad interpretarlo meglio, per il successo dopo 3 ore e 25 minuti sullo score di 6-4 6-7 (3) 6-3 7-6 (3). L’azzurro è uscito tra gli applausi e dopo i soliti sorrisi sta già pensando ai prossimi tornei. In sequenza saranno quelli di Marsiglia, Rotterdam, poi Doha e Dubai, prima della trasferta americana di Miami e Indian Wells, i primi Masters 1000 dell’anno.
Terzo turno conquistato anche da Alexander Zverev che ha dovuto sudare le classiche “sette camicie” per avere ragione di Lukas Klein. Impresa riuscita sul punteggio di 7-5 3-6 4-6 7-6 (5) 7-6 (10-7): “Ho pensato spesso al volo di ritorno – ha detto Zverev al termine – perchè il match è stato per lunghi tratti nelle sue mani. Non ha sbagliato nulla in alcuni passaggi dell’incontro ed è stata dura”. Vittoria in quattro set invece per Tommy Paul contro il britannico Jack Draper. Lotta agguerrita anche tra Ruud e l’australiano Max Purcell. Ha vinto il norvegese al match tie-break del set decisivo, per 10 punti a 7. La sorpresa al maschile della prima parte di giornata è arrivata dalla racchetta dell’americano Michelsen che ha stoppato quella calda di Jiri Lehecka, nel 2023 salito fino ai quarti di finale. Michelsen si è imposto in rimonta per 4-6 6-3 6-4 6-4. Sorride anche il portoghese Nuno Borges che ha stoppato in tre set la corsa del potente spagnolo Davidovich Fokina, sul 7-6 (7) 6-3 6-3. Al terzo turno è salito anche il cinese Shang, wild card, grazie alla vittoria in quattro set contro l’indiano Nagal.

di redazione