AtletiNewsTornei Internazionali

SINNER E’ INARRESTABILE. IN TRE SET DOMINA BAEZ E SALE NEGLI OTTAVI DEGLI AO, DOVE TROVERA’ KHACHANOV

L’atteggiamento è ormai quello del campione affermato, anche se sempre rispettoso dei rivali, che Sinner supera con una facilità assoluta. Anche nella notte italiana appena andata in archivio il numero 4 del mondo e 1 d’Italia ha dato una lezione di tennis al piccolo e tenace Sebastian Baez, argentino che nel 2023 è stato uno dei pochi a vincere tre tornei del massimo circuito. Certo Sebastian, che ricorda come più volte detto e scritto il connazionale Schwartzman, con una maggior propensione offensiva, non gradisce così tanto le superfici veloci, ma nell’unico prcedente giocato lo scorso anno sul duro era riuscito a strappare un set a Jannik. Questa volta dopo 63 minuti era sotto 6-0 6-1 pur non avendo giocato male. Semplicemente Sinner ha fatto tutto meglio di lui mettendo in campo anceh una personalità “spaventosa”. Colpi da fondo ficcanti, passanti millimetrici scaturiti da attacchi a volte anche azzardati del sudamericano (ma quando non si sa più cosa fare si provano delle alternative n.d.r.), variazioni sul tema. Più equilibrato il terzo set, nel quale l’azzurro ha decelerato un attimo e Baez, dimostrando il proprio valore, ha cercato di aggrapparsi al match vincendo anche uno degli scambi più lunghi della sfida. Sul 2-2 è però arrivata la zampata di Jannik, l’ennesima, e con la stessa il break. Dopo 1 ora e 52 minuti, con 34 vincenti all’attivo, l’azzurro ha così guadagnato l’11° ottavo di finale Slam superando nella speciale classifica italiana (che vede in testa Pietrangeli con 16 ottavi) Matteo Berrettini, fermo a quota 10, e davanti a Fognini e Panatta (8). Ancora un pezzo di storia è stato scritto questa notte. Jannik negli ottavi troverà il russo Karen Khachanov, giocatore potente ma legnoso, che ha sconfitto non proprio agilmente (6-4 7-6 4-6 7-6) il talentuoso ma incostante ceco Tomas Machac. Jannik conduce 2-1 nei precedenti e ha vinto gli ultimi due, peraltro datati 2021 quando non era ancora l’attuale giocatore quasi totale. In quelle occasioni Karen lo aveva anche messo in difficoltà con la sua potenza e il suo diritto. La vittoria del russo invece è datata 2020, arrivata al primo turno degli US Open e fissata in cinque set, l’ultimo terminato al tie-break.
Nella prima parte della sesta giornata di gare sono stati promossi agli ottavi anche Tsitsipas, finalista del 2023, che ha battuto nettamente Van Assche, il “giusitziere” di Musetti in secondo turno, e Taylor Fritz, che ha piegato Marozsan in quattro set.
In campo femminile facile vittoria della campionessa uscente Aryna Sabalenka (6-0 6-0 alla Tsurenko) e di Coco Gauff (6-0 6-2 alla connazionale Parks). E’ finita la corsa della spagnola Paula Badosa, la fidanzata di Tsitsipas, per mano dell’americana Anisimova.

di redazione