AtletiNewsTornei Internazionali

ALCARAZ CANCELLA SHANG E VOLA NEGLI OTTAVI AGLI AO. BENE ANCHE HURKACZ. KECMANOVIC FERMA PAUL

Ultime partite del terzo turno degli Australian Open scandite dalle sorprese. La prima riguarda la testa di serie n.14, Tommy Paul, eliminato in cinque set dal serbo Miomir Kecmanovic col punteggio di 64 36 26 76(7) 60. Il n.60 del mondo tornerà così a giocarsi un ottavo di finale in uno Slam lì dove due anni fa aveva tagliato il traguardo per la prima volta. Il serbo ha rincorso Paul per buona parte del match per poi giocarsi il tutto per tutto nel corso del tie-break del quarto set in cui è riuscito ad annullare ben due match point al suo rivale prima di chiuderlo in suo favore alla prima occasione disponibile. Il contraccolpo per Paul è stato tremendo, e l’americano nel quinto set non è poi più riuscito a mantenere il servizio cedendo a zero il parziale in meno di mezz’ora.  “Che gran bella sensazione. Volevo giocare un match in cinque set per capire quanto fossi pronto, ma devo dire che sto bene. Adesso è un bene che possa riposare un po’, ma sono davvero più che felice di essermi qualificato per la seconda settimana“, queste le parole a caldo rilasciate da Kecmanovic in conferenza stampa.
Ad attendere Kecmanovic ci sarà ora il n.2 del mondo Carlos Alcaraz, qualificatosi grazie al ritiro del cinese Shang Juncheng quando era in svantaggio 61 61 10. La prima partita contro un avversario più giovane di lui ha consentito ad Alcaraz di diventare il più giovane giocatore nell’era Open a raggiungere sette ottavi Slam consecutivi e batte il record di precocità di Bjorn Borg firmato tra il Roland Garros 1975 e Wimbledon 1977. Ottavi di finale raggiunti anche da Hubert Hurkacz grazie al successo in quattro partite contro il francese Humbert.

dal sito supertennis