AtletiNewsPugliaRegioniTornei Internazionali

IL CHALLENGER DI BARLETTA E’ DI DZUMHUR

Nona sinfonia Challenger per Damir Dzumhur. Il bosniaco è il nuovo campione dell’Open Città della Disfida, Challenger 75 con montepremi di € 74,825 trasmesso in diretta su SuperTennis e SuperTenniX e giocato presso il circolo tennis “Hugo Simmen”. Se lo è aggiudicato battendo in finale il francese numero uno del tabellone Harold Mayot col punteggio di 61 63 riportando così anche in parità il bilancio degli scontri diretti che vedeva il francese in vantaggio 1-0 grazie al successo ottenuto nella semifinale del Challenger di Maiorca dello scorso settembre.
Forte di otto titoli Challenger in carriera, di tre titoli sul circuito Atp e di un best ranking da ex n.23 del mondo, e opposto a un avversario alla sua terza finale Challenger dopo quelle di Tampere del 2022 e di Maiorca nel 2023, Dzumhur ha trovato nell’esperienza l’alleata migliore lungo la strada di questo suo nuovo successo. Prese le misure al servizio del francese, il bosniaco ha vinto cinque game successivi aggiudicandosi per 6-1 il primo set incappando però in una sbandata non da poco in avvio di secondo parziale che ha rischiato di comprometterne il cammino.
E’ stato infatti Mayot a portarsi in vantaggio per 3-0 al termine di quello che è stato il game più combattuto del match in cui Dzumhur ha anche avuto l’occasione di recuperare il break ceduto poco prima. Il nervosismo per un attimo è sembrato impadronirsi del trentunenne, ma un turno di servizio mantenuto saldamente abbinato alla palla break trasformata del 3-2 hanno riportato calma e confidenza nel suo spartito, consentendogli di annullare le due chance con cui Mayot ha nuovamente cercato di costruire un nuovo vantaggio. Sfumate le due occasioni, anche la resistenza del francese ha finito con lo sgonfiarsi progressivamente lasciando sempre più campo al suo rivale, che pur tra qualche rischio di troppo è riuscito a chiudere il match al terzo tentativo riassaporando così una sensazione da lui provata per l’ultima volta sul cemento di Istanbul lo scorso settembre.

DA UFFICIO STAMPA TORNEO

Articolo offerto da SGE Società Gestioni Energetiche