AtletiNewsTornei Internazionali

ARNALDI VINCE A BARCELLONA. SUL 5-5 CAZAUX COSTRETTO AL RITIRO PER UN INFORTUNIO ALLA CAVIGLIA

Matteo Arnaldi avanza nel “Barcelona Open Banc Sabadell” (ATP 500 – montepremi 2.782.960 euro) che si disputa sulla terra rossa del Real Club de Tenis Barcelona-1899, il più antico circolo della capitale della Catalogna.
Il 23enne di Sanremo, n.40 ATP, ha superato il francese Arthur Cazaux, n.75 del ranking, ritiratosi per un infortunio alla caviglia destra sul punteggio di 5-5 (con il ligure al servizio con la palla per il game). Proprio sulla terra catalana Arnaldi dodici mesi fa aveva vinto la sua prima partita in un main draw del circuito maggiore.  
lL match. Il 21enne di Montpellier rientrava nel tour dopo l’incidente nel primo turno delle qualificazioni di Miami quando è svenuto sul campo a causa del gran caldo e dell’umidità. Nel primo set di quello che è il loro primo confronto il francese, che sfoggia una vistosa fasciatura al quadricipite destro, parte meglio del ligure e prende subito un break di vantaggio (2-0).
Nel terzo gioco Arnaldi annulla la chance del doppio break al suo avversario riuscendo finalmente ad entrare in partita (2-1). 
Nel sesto game, con un diritto lungolinea, Matteo mette a segno il contro-break (3-3) alla prima opportunità offerta dal suo avversario. L’azzurro poi passa per la prima volta in vantaggio (4-3) ma poi nel nono gioco, dopo aver vinto il primo “quindici”, commette quattro errori di fila, l’ultimo di rovescio, mandando Cazaux avanti 5-4. Con uno splendido drop-shot, però, il ligure riapre il discorso (5-5). Nell’undicesimo game Matteo recupera da 0-40 e poi annulla anche una quarta palla-break: poi durante punto successivo il francese inciampa sulla riga di fondo rimediando una storta alla caviglia destra. E la sua partita finisce lì.
Al secondo turno Arnaldi troverà dall’altra parte della rete l’argentino Sebastian Baez, n.19 ATP ed ottava testa di serie (“bye” al primo turno): tra il ligure ed il 23enne di Buenos Aires non ci sono precedenti.

dal sito www.supertennis.tv

Articolo offerto da www.tennisvtt.it