IntervisteNewsTornei Internazionali

INTERVISTA A TIM HENMAN: “SARA’ UN ROLAND GARROS CON INCOGNITE AL MASCHILE, NEL FEMMINILE SWIATEK SU TUTTE”

Era una garanzia sul campo da tennis, Tim Henman, interprete di un gioco che quasi non c’è più che aveva il suo fulcro nel serve & volley, è lo è da molte stagioni nelle vesti di commentatore per Eurosport, network che trasmetterà in diretta il Roland Garros e sta già trasmettendo su Discovery + i match di qualificazione scattati ieri. Fare pronostici a una settimana dal via del più importante appuntamento sulla terra rossa al mondo quest’anno non è facile: “Un torneo molto aperto – ha esordito l’ex giocatore nato ad Oxford 49 anni fa – perché potrebbe essere condizionato dai diversi problemi fisici che hanno colpito negli ultimi mesi alcuni dei potenziali favoriti e anche da situazioni legate alla fiducia e alla convinzione di altri grandi nomi”. Potrà ripetersi Novak Djokovic? “Lo scorso anno Novak ha giocato a mio parere il suo miglior tennis di sempre aggiudicandosi tre prove dello Slam su quattro e perdendo la finale di Wimbledon. Si è poi rifatto a fine stagione conquistando le Finals a Torino. Nel 2024 ha giocato poco ed è alla ricerca di quelle convinzioni che non ha ancora trovato. Proprio per questo nella settimana in corso ha deciso di giocare nel 250 ATP di Ginevra per provare ad arrivare a Parigi più in fiducia. Direi un grosso punto interrogativo. Discorso simile ma a causa dell’infortunio al braccio per Carlos Alcaraz, costretto a saltare diverse e importanti tappe di avvicinamento allo Slam parigino”. Veniamo al tema che più sta a cuore a noi italiani, la partecipazione o meno al Roland Garros di Jannik Sinner. Cosa pensa in merito? “Premetto che sono un fan di Jannik che ho visto crescere in maniera esponenziale negli ultimi mesi dello scorso anno e vincere in stagione grandi tornei come gli Australian Open, il 500 di Rotterdam, il 1000 di Miami. Mi piace molto il suo gioco e mi aveva già colpito tanto lo scorso anno a Wimbledon. E’ seguito da un ottimo staff e credo che lui e le persone che gli stanno intorno sceglieranno per il meglio. Mi piacerebbe molto vederlo al via a Parigi ma anche se non dovesse esserci ha una lunghissima carriera davanti e tante altre opportunità per centrare il prestigioso titolo sulla nobile terra rossa”. Un altro capitolo enigmatico dell’edizione che sta per prendere il via è quello legato alla partecipazione di Rafael Nadal, 14 volte campione a Parigi. Ci sarà e in quali condizioni secondo lei? “L’ho visto a Barcellona e a Roma. Ha pochi match nelle gambe e credo molti dubbi circa la tenuta del suo fisico. Il suo tennis si basa proprio sull’atletismo, da sempre l’arma con cui fare la differenza. Anche la sua sarà una scelta molto difficile. In sintesi proprio per queste molte incertezze potrebbe rivelarsi un Roland Garros atipico. Tra i favoriti metto Zverev, che a Roma è tornato a vincere un 1000 e in un certo senso ha chiuso il cerchio dopo il grave infortunio di due anni fa proprio a Parigi in semifinale dove stava giocando il suo miglior tennis”. Un altro infortunato di “lusso” è l’azzurro Matteo Berrettini. Potrà recitare il ruolo di protagonista a Parigi? “Difficile dirlo. Lo ritengo sfortunato perché nelle ultime stagioni è stato vittima di molti infortuni. Sono molto amico del suo ex coach Vincenzo Santopadre e i due hanno fatto grandi cose insieme, vedi tre anni fa al Queen’s e a Wimbledon. Il suo servizio e il suo diritto possono fare la differenza ma come per Nadal fisico e mente viaggiano insieme. Se il binomio non funziona il potenziale cala”.
Nel tabellone femminile ci sono meno dubbi, vero? “Iga Swiatek è certo la favorita d’obbligo – prosegue Henman – e la sua vittoria a Roma le ha dato ancora più fiducia. Le rivali sono ormai note, Sabalenka, Rybakina e Gauff”. Potrà far bene Jasmine Paolini, numero uno azzurra? “Anche lei arriverà in fiducia a Parigi dopo la bella prova con il titolo di doppio a Roma. E’ migliorata molto e conosce il gioco sul rosso. La inserisco tra le possibili sorprese”.  

Intervista pubblicata questa mattina su Tuttosport

Articolo offerto da PROMOZIONI GESTIONALI s.r.l.