AtletiNewsTornei Internazionali

PER JASMINE PAOLINI SARA’ UN’ALTRA GIORNATA DALLE MILLE EMOZIONI

Sarà un’altra giornata dalle molte emozioni per Jasmine Paolini che proverà il centrale di Wimbledon, per la prima volta in carriera. Si era affezionata al campo 1, la 28enne di Bagni di Lucca e oggi dovrà fare in fretta a capire il nuovo contesto perché la sua avversaria, l’americana Emma Navarro, una delle sorprese della stagione, farà di tutto per metterla in difficoltà. Ha le armi per riuscirci, come dicono i tre precedenti giocati e vinti negli ultimi due anni. Ma dovrà stare attenta alla nuova dimensione acquisita dall’azzurra, cresciuta in tecnica e consapevolezza, armi della trovata maturità personale e professionale che l’hanno proiettata nella classifica live WTA al sesto posto a pochissimi punti da Jessica Pegula. In caso di successo oggi la toscana la supererebbe salendo sulla quinta piazza della graduatoria. Fantastico e quasi incredibile, perchè tutto quello che sta facendo Jasmine ha per molti questa matrice. In realtà è frutto del molto lavoro, della passione per il tennis e delle grandi abilità del suo coach, uno dei migliori del circuito, l’ex n° 19 ATP Renzo Furlan. Poche parole e molta sostanza come si usa fare dalle sue parti, Conegliano in provincia di Treviso. Terra di bollicine doc e Jasmine in qualche modo le ricorda. Minuta ma potente, formichina ma leonessa quando occorre, anche contro le “valchirie” dell’est. Emma Navarro, figlia di un magnate, non è potentissima ma ha buon timing. Jasmine spera di averla capita nelle sfide perse in carriera e ovviamente la rispetta: “Emma – ha detto in conferenza stampa post match di ottavi – mi ha sempre messa in difficoltà. Con lei ho fatto fatica, ha una gran velocità di braccio e per molti aspetti la vedo simile alla sottoscritta. Quando ci siamo incrociate ha sempre saputo giocare meglio di me”. La statunitense, n° 17 del mondo, sta vivendo come Jasmine il suo miglior anno agonistico, iniziato con la vittoria del suo primo titolo nel massimo circuito a Hobart in finale sulla belga Mertens. A Wimbledon, sempre in simbiosi con quanto fatto dall’azzurra in passato, non aveva mai superato un turno prima dell’edizione 2024. L’appuntamento è per il secondo match dalle 14,30, dopo quello di Sinner, e sul Centre Court. Jasmine è scesa in campo ieri in doppio, a fianco dell’ormai compagna abituale Sara Errani. Le due hanno giocato e perso negli ottavi contro il tandem americano formato da Coco Gauff e Jessica Pegula, in due set. Un motivo in più per prendersi oggi in singolare la rivincita sul tennis stelle e strisce.

di redazione

Articolo offerto da www.ronchiverdi.it