AtletiNewsTornei Internazionali

DJOKOVIC, SEMIFINALE SENZA FATICA. ORA MUSETTI

Novak Djokovic è già in semifinale a Wimbledon. C’erano molti dubbi sulle sue reali possibilità di avanzare in tabellone a nemmeno un mese dall’operazione al ginocchio cui si è sottoposto a Parigi il 5 giugno scorso seguita all’infortunio occorsogli al Roland Garros al termine della sfida contro Francisco Cerundolo. Partita dopo partita sono stati fugati, in campo e fuori. La condizione fisica è progredita, così la fiducia del numero 2 del seeding, che negli ottavi ha letteralmente messo in un angolo il giovane e presuntuoso Holger Rune, battuto in tre set secchi. Djokovic carico e polemico, non è la prima volta, con una parte del pubblico che a suo dire è stata poco corretta, con i Buuu nei suoi confronti. In rotta di collisione anche con la BBC, il sette volte campione di Wimbledon, rea a suo dire di avergli posto proprio sullo stesso argomento le prime tre domande dell’intervista. La reazione del tennista serbo è stata l’abbandono della postazione dopo 98 secondi: “Non hai altre questioni da pormi? – ha detto all’intervistatore prima di congedarsi in anticipo lasciando intendere tutto il proprio disappunto, palese peraltro nella mimica facciale. Espressione che certo sarà cambiata, anche se non è mai bello passare un turno per ritiro del rivale designato, quando avrà saputo del forfait di Alex De Minaur. Sfortunato l’australiano il cui volto al termine del match vinto contro Fils aveva già fatto presagire qualcosa di poco felice per il prosieguo del suo torneo londinese. Dopo la volée in allungo che ne aveva sancito il successo l’australiano aveva faticato a raggiungere la panchina e in fase di intervista non aveva per nulla esultato, dando un tiepido appuntamento al match successivo. Ieri ha dovuto ritirarsi perché gli esami hanno evidenziato un problema all’anca che potrebbe anche richiedere una lunga assenza dai palcoscenici internazionali, compreso quello olimpico. Djokovic idealmente ha ringraziato perché dalla prevista battaglia si è ritrovato ad avere altri due giorni preziosi di recupero per il suo ginocchio convalescente e nel complesso per la sua macchina fisica e mentale.
Ora lo attende il testa a testa contro Lorenzo Musetti, non così scontato. Nell’ultimo, Montecarlo, aveva vinto il serbo ma Lorenzo lo aveva messo in difficoltà e al termine aveva detto all’ex n° 1 “speriamo la prossima volta non così presto”. Il desiderio del carrarino si è avverato. Domani si affronteranno sul mitico centrale di Wimbledon e in semifinale!

di redazione (foto archivio – vittoria di Djokovic nel 2019 contro Federer)

Articolo offerto da PROMOZIONI GESTIONALI s.r.l.